Sermoneta, quel castello che domina l'agro pontino (a un'ora e mezza da Roma)

Cosa vedere a Sermoneta. Dove mangiare, dove dormire e come raggiungere da Roma. La guida completa

A spasso per i borghi del Lazio, RomaToday fa tappa a Sermoneta, uno dei borghi medievali più belli del Lazio, in provincia di Latina.

Sermoneta domina la pianura Pontina. A lungo è stata la residenza della famiglia Caetani ed è proprio questa signoria ad aver fatto fiorire il borgo del Lazio, sede dell'omonimo castello, ancora oggi meta di numerosi turisti. La città di Sermoneta è circondata da una cinta muraria, laddove si trovava, un tempo, la città dei Volsci Sulmo, poi divenuta colonia romana con il nome di Sora Moneta, fino a diventare, appunto, Sermoneta. 

In passato importante centro urbano, oggi Sermoneta è uno dei borghi più frequentati e amati del Lazio. Per il suo castello, per il vicino Giardino di Ninfa e per i frequenti eventi, manifestazioni culturali e folkloristiche (momentaneamente annullate dal Covid). Nel 2010 la cittadina è stata anche eletta "Destinazione europea d'eccellenza".

Cosa vedere a Sermoneta

Il Castello Caetani domina il borgo ed è motivo di numerose visite guidate annuali (al momento il sito storico-culturale è chiuso nel rispetto del dpcm del 3 novembre). Si tratta di una fortezza risalente al XIII secolo, con maschio e baluardi, molto suggestivo e che ha il potere di immergere i visitatori in una fiaba. Vale la pena il viaggio anche per ammirarlo da fuori, in questo periodo di emergenza Covid.

All'interno del Castello sono state girate anche alcune scene del film "Non ci resta che piangere" con Roberto benigni e Massimo Troisi.

A Sermoneta meritano, inoltre, una visita la Collegiata di Santa Maria, la Chiesa di San Giuseppe che conserva al suo interno un ciclo di affreschi del pittre Siciolante, la loggia dei Mercanti, la Porta degli Annibaldi, il convento di San Francesco e la cinta muraria rinascimentale ancora oggi conservata perfettamente.

Da Sermoneta, in 15 minuti di macchina, si raggiungono inoltre il bellissimo Giardino di Ninfa che apre in primavera e con alcune aperture speciali durante l'anno.

Cosa mangiare a Sermoneta

Sermoneta è famosa per la polenta. Nel mese di gennaio c'è il tradizionale appuntamento con la Sagra della polenta (non si sa se sarà possibile svolgere l'edizione 2021) famosa in tutto il Lazio. Rinomate anche le cosiddette "Serpette" dei dolci tipici del luogo caratterizzati dalla loro forma a "S". Sermoneta, inoltre, fa parte della strada dei vini della provincia di Latina, in una zona in cui è molto conosciuto l'olio di oliva delle colline pontine Dop, il carciofo romanesco Igp, i kiwi di Latina Igp.

Alcuni ristoranti dove mangiare a Sermoneta: Il Giardino del Simposio, Simposio al Corso, Il Pomarancio, Antico Emporio Stivali Fraschetta, Al Castello, Trattoria Ghost

Dove dormire a Sermoneta

Non mancano le soluzioni per dormire a Sermoneta in hotel, b&b o agriturismo nelle zone limitrofe. Tra queste segnaliamo "Aurora Medieval House", "Casale Cavatella" e "Lelive Bed & Breakfast".

Come arrivare a Sermoneta da Roma

Sermoneta dista da Roma 86 km circa, per una percorrenza di 1 ora e mezza. Percorrendo via Pontina, proseguire fino a Latina. Prendere poi strada della Chiesuola, Via Dormigliosa e Via Sermonetana in direzione di Via della Valle/Via Sotto il Forte fino a raggiungere Sermoneta.

Le altre guide di RomaToday

Visitare Isola del Liri: la guida

Visitare Campodimele: la guida

Visitare Calcata: la guida

Visitare Sant'Angelo di Roccalvecce: la guida

Visitare Canterano: la guida

Visitare Subiaco: la guida

Visitare Torre Alfina - Acquapendente: la guida

Visitare Itri: la guida


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

  • Sciopero trasporti mercoledì 25 novembre: a rischio metro, bus, treni e pullman Cotral

Torna su
RomaToday è in caricamento