Real Bodies, tredici malori in due giorni alla mostra anatomica

La vista del sangue la causa principale. La direzione della mostra ha deciso di annullare lo show delle sospensioni

Tredici visitatori svenuti, quasi tutti alla vista del sangue. E' il bilancio del primo week end della mostra Real Bodies. Anche per questo gli organizzatori hanno  deciso di interrompere le performance delle sospensioni. 

I mancamenti sono iniziati alle 14.30 di sabato scorso quando è entrata al Guido Reni District una comitiva di visitatori tra cui un adolescente di 16 anni. Alla vista delle sospensioni nella sezione della mostra dedicata al sistema epidermico  il ragazzo ha avuto un crollo improvviso accasciandosi sulle gambe e poi rovinosamente a terra, riportando una piccola ferita alla testa. Nella sezione oltre alle sospensioni, in mostra anche un'intera pelle umana scuoiata, conservata in un pannello di vetro. 

3 (1)-2

Racconta Mauro Rigoni, titolare della società Venice Exhibition srl: "Per fortuna si è ripreso subito ed è stato medicato ed assistito dal personale della mostra finché abbiamo rintracciato i genitori poco distante, ai quali lo abbiamo affidato caldeggiando l'intervento del 118". A questo primo episodio di malore in due giorni ne sono seguiti una dozzina. Tra questi un caso ravvicinato di due cugine di 18 e 26 anni che si sono sentite male davanti alle sospensioni,  a qualche minuto una dall'altra. "Tranne una signora inglese che è stata male nella sezione della riproduzione davanti ai feti in vitro", specificano gli organizzatori, "ed un anziano che soffre di claustrofobia colto da vertigini e capogiri davanti al tavolo autoptico, il resto delle 11 vittime di malori hanno riferito sensibilità alla vista del sangue".

Cancellate per questi motivi dal calendario le sospensioni programmate nei prossimi giorni, originariamente incluse nell'allestimento dalla produzione per mostrare la capacità del derma di sorreggere il peso anche di più persone contemporaneamente. "Siamo dispiaciuti per aver annullato le esibizioni future" conclude l'organizzatore di Real Bodies, "perché ci rendiamo conto che bloccare questo show toglierà la possibilità ad altri di ammirare questa tecnica incredibile annunciata da tempo nell'ambito della mostra. Le sospensioni avevano solo finalità scientifiche e di certo non ci aspettavamo una reazione di insofferenza e tale impressionabilità da parte del pubblico. Domenica abbiamo ricevuto in mostra visitatori arrivati da Napoli, Bari, ed addirittura una coppia giunta dalla Sardegna, per assistere a questo show particolare che mostra la resistenza della pelle e di solito riscuote tanta ammirazione".

1 (2)-3

Le sospensioni multiple proposte dalla kermesse dedicata al corpo umano sono da Guinness dei Primati, esprimendo un'antica pratica che permette ai performer di rimanere per molto tempo appesi a peso morto assicurati a ganci metallici conficcati nello strato più esterno dell'epidermide. Una tecnica che richiede una fortissima concentrazione e grande forza fisica per essere eseguita, annunciata fra le attrazioni presentate in esclusiva al pubblico laziale nel primo weekend perché eseguita sospendendo il peso di più performer contemporaneamente sugli stessi ganci.

Real Bodies, scopri il corpo umano
IL VIDEO DELLA MOSTRA

 

Potrebbe interessarti: https://www.romatoday.it/eventi/real-bodies-mostra-corpo-umano-roma.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

Torna su
RomaToday è in caricamento