Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Roma Pride 2017, ecco il programma: "Corpi senza confini" lo slogan

Nei locali dell'Ex Dogana di San Lorenzo, il coordinamento romano del Pride stamattina, mercoledì 31 maggio, ha illustrato non solo il percorso e i carri della parata del 10 giugno, ma anche dell'intera settimana di eventi

 

Scopriamoci - Corpi senza confini” è lo slogan con il quale il Roma Pride 2017 torna a sfilare per le strade della Capitale sabato 10 giugno. “Una manifestazione gioiosa, colorata e pacifica che da oltre venti anni porta al centro dell’agenda politica i valori di democrazia, laicità, diritti, parità, salute e libertà e che ha contribuito a cambiare radicalmente la cultura e la società del nostro Paese”, promettono gli organizzatori.

Ma quest'anno non sarà solo la parata il centro del Pride. Un'intera settimana di eventi, iniziative e dibattiti politici si terranno da sabato 3 a domenica 11 giugno in via San Giovanni in Laterano (più nota come gay Street) in cui si porteranno avanti le battaglie di tutta la comunità Lgbt. “Come ogni anno, dal 1994 - dice Sebastiano Secci, portavoce del Roma Pride - attraverseremo senza nasconderci le strade di Roma. In un periodo in cui le ombre della sessuofobia e del moralismo tornano ad allungarsi, la parata dell’orgoglio Lgbtqi sarà l’occasione per offrire la migliore immagine che abbiamo di noi: i nostri corpi. Che supereranno i confini imposti dal binarismo di genere, da modelli e ruoli stereotipati di femminilità e di mascolinità, dalle identità nazionali, dal perbenismo, dalle norme e dalle classi sociali.”

La parata con i carri partirà da piazza della Repubblica alle 15 per poi attraversare il cuore della città, passando da – tra le altre - via Cavour, Via Merulana, piazza del Colosseo, fino a piazza della Madonna di Loreto. Quest'anno ad accompagnare i carri degli organizzatori, anche quello della Cgil, dell'ambasciata canadese e della Taffo, la nota azienda di pompe funebri che quest'anno ha scelto di affiancare la manifestazione “arcobaleno” con lo slogan “Seppelliamo l'omofobia”.

Altra adesione apprezzata dal coordinamento Roma Pride, quello del sindacato Usb dei vigili del fuoco di Roma, che sfileranno accanto a loro con la loro divisa: “Lottiamo per il diritto al lavoro – spiega Costantino Saporito, Usb Vvff di Roma – ma non ci sono diritti al lavoro se prima no si salvaguardano quelli della persona”.

Presenti alla conferenza stampa di stamattina, mercoledì 31 maggio, anche le istituzioni: il vicepresidente della Regione Lazio e assessore alla Scuola e Turismo Massimiliano Smeriglio (Pd), l'assessora capitolina Roma Semplice (con delega alle Pari opportunità) Flavia Marzano (M5S) e la presidente del I municipio Sabrina Alfonsi (Pd).

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento