rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Cultura

Palazzo Farnese incontra i social: viaggio serale nelle sale (vuote) dell'Ambasciata di Francia

#EmptyFarnese | I social entrano nelle sale mai aperte del palazzo romano per divulgare il patrimonio culturale attraverso Instagram

Lunedì 8 maggio, ore 19. Palazzo Farnese, sede dell'Ambasciata di Francia in Italia, ha aperto le porte ad un ristrettissimo pubblico, abbracciando un progetto che ha l'obiettivo di divulgare il patrimonio artistico di Roma attraverso i social.

Un gruppo di quaranta content creator, influencer, utenti della community di Igers Roma e pochi giornalisti (tra cui noi di RomaToday) sono stati invitati ad immergersi tra le bellezze inedite di Palazzo Farnese, accompagnati da una storica d'arte e da Christian Masset, l'Ambasciatore di Francia, alla scoperta di affreschi, sale mai aperte al pubblico ed esibizioni artistiche dal vivo. Tra loro anche volti noti del mondo social romano, tra cui Carolina Venosi, fondatrice di Rome is More, l'attore Leonardo Bocci, la content creator Anna Scrigni.

Cos'è #EmptyFarnese

#EmptyFarnese è il nome dell'iniziativa organizzata da Matteo Molle e dalla community di Igers Roma, terza tappa di un progetto divulgativo iniziato lo scorso autunno ai Musei Capitolini e ai Mercati di Traiano e che rientra nel filone di “Empty Museum”.

Il progetto nasce con l'idea di diffondere via Instagram un'immagine insolita degli spazi culturali, quando la sera si svuotano e restano unicamente le opere d'arte a fare da cornice. Le sale di Palazzo Farnese, durante la visita serale dell'8 maggio, però non erano vuote, bensì riempite dall'arte contemporanea di artisti, molto diversi tra loro, invitati da Isabella Vitale, storica dell’arte, curatrice e fondatrice di Pianobi arte contemporanea.

Gli artisti nelle sale vuote di Palazzo Farnese

A far vivere le sale di Palazzo Farnese sono stati: Valentina Palazzari, artista visiva e performer, che ha interagito con la statua dell’Ercole Farnese depositando in terra una serie di foglie essiccate di magnolia e altro albero, dipinte con dello stucco bianco ben essiccato sulle quali è andata a scrivere sempre la stessa frase: “La fragilité d’Hercule”. Elena Nonnis, che nella Galleria d'Ercole ha mostrato la tecnica del disegno e del ricamo su tela, riproducendo scene di persone e artisti in visita al palazzo. Paolo Assenza che ha realizzato in maniera iconicamente astratta degli Iris blu, emblema dei Farnese. La coppia di artiste Lu.Pa (Lulù Nut e Pamela Pintus) che, inginocchiate su un tavolo, nel Camerino centrale di Annibale Carracci, hanno presentato la performance "Parla".

La musica di Mattia Abballe ha fermato il tempo durante la visita a Palazzo Farnese. Il musicista ha improvvisato al sax la musica da lui composta, in una vuota e silenziosa Galleria di Murano. A Leonardo Petrucci l'onore e l'onere di rievocare la presenza della Venere Callipigia, statua antica appartenente alla collezione dei Farnese, disegnando dal vero una modella che ha posato davanti a lui, coperta in parte da tessuti bianchi, nel Salone Rosso di Palazzo Farnese.

A chiudere il cerchio di #EmptyFarnese, per immergere i presenti nell'arte e nella storia della famiglia nobiliare, sono stati Luca Grechi e Elena Usdin: entrambi - seppur con tecniche di disegno diverse - hanno riprodotto e reinterpretato gli affreschi della volta della Galleria dei Carracci attraverso il riflesso degli specchi sul tavolo.

Empty Farnese

L'Ambasciatore di Francia accoglie il mondo dei social

L'iniziativa divulgativa promossa dalla community di Igers Roma è stata accolta con entusiasmo da Christian Masset, Ambasciatore di Francia per l’Italia che ha aperto le porte del suo studio, accolto i visitatori, i loro smartphone, le loro stories live, comprendendo il grande potenziale della divulgazione digitale. Guida d'eccezione nelle sale di Palazzo Farnese, Masset si è detto "lieto di accogliere, alla vigilia della Giornata dell’Europa, la community di Empty Museum che parla ai giovani in modo originale per fargli scoprire le meraviglie italiane e oggi quelle di questo Palazzo aperto per lavori. Palazzo Farnese - ha sottolineato l'ambasciatore - è da sempre luogo di ispirazione per gli artisti e di sperimentazione. Gli artisti presenti questa sera si sono ispirati alle diverse sale e ai simboli del Palazzo per le loro performance; l'arte in tutte le sue forme è il filo conduttore di questo evento.”

#EmptyFarnese è solo uno dei tanti eventi che Matteo Molle, Community Manager di IgersRoma ha in mente per i prossimi mesi nella Capitale: "Nella serata a Palazzo Farnese è andata in scena l'arte ed un nuovo modo di comunicare la cultura attraverso i social: un’ulteriore attestazione della qualità del nostro operato, mirato fortemente a documentare, attraverso le immagini, le bellezze che la Città Eterna ha da offrire ed a valorizzarle attraverso le varie piattaforme”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo Farnese incontra i social: viaggio serale nelle sale (vuote) dell'Ambasciata di Francia

RomaToday è in caricamento