Mangiare accanto a Fellini e Mastroianni: al Pigneto separé fotografici al posto di barriere anti-Covid

Da Necci una mostra fotografica fa mangiare i commensali accanto ai divi della Dolce Vita e non ad un triste pannello di plexiglass

Gustare una colazione o un pranzo accanto ad una foto d'epoca di Claudia Cardinali o di Marcello Mastroianni o di Federico Fellini. Questa l'idea nata nel cuore del Pigneto per dare l'idea ai commensali di mangiare accanto ad un divo e non ad un triste pannello di plexiglass.

Ai tempi del Covid anche i sistemi di sicurezza possono diventare arte e trasformarsi in una mostra. E' quanto è successo al Necci dal 1924, in Via Fanfulla da Lodi, 68, strada cara a Pier Paolo Pasolini, anch'egli omaggiato sugli originali Separè Fotografici. Nasce così "Andava tutto bene" la mostra fotografica di Agathe Jaubourg e Massimo Innocenti, che i due imprenditori vogliono dedicare alla socialità intesa come valore assoluto. La mostra realizzata in collaborazione con Archivio DUFOTO, sarà allestita nel bar ristorante a partire da lunedì 7 dicembre.

Agathe e Massimo, tra i fautori della rivoluzione culturale e gastronomica del quartiere romano, ancora una volta indossano i panni di creativi, oggi curatori di un’esposizione che porta in tavola la cultura, in modo semplice ma efficace, come solo le immagini dal forte potere evocativo sanno fare. Sedici volti noti ritratti da scatti iconici, tra cui si riconoscono: Federico Fellini, Silvana Mangano, Marcello Mastroianni, Ugo Tognazzi, Catherine Spaak, Giorgio Gaber, Sergio Endrigo e molti altri protagonisti della vita (dolce), immortalata al "tempo dei locali".

Andava Tutto Bene_Collage-3-2

Momenti di una socialità che ha fatto epoca, che rappresentano luoghi e situazioni di straordinaria vivacità, oggi riportati in luce dalle foto stampate su supporti autoportanti (misure 140x70), destinati a rimanere in pianta stabile nel locale fino al termine dell’emergenza. Spetta così a divi del cinema, della musica e intellettuali del tempo, svolgere l'importante funzione di sostituire con i loro volti, le fredde barriere anti covid, questo almeno "fino a che il Covid ci separerà", afferma Agathe, rifiutandosi di optare per dei semplici separatori in plastica, che "amplificano di più quel senso di separazione che questo virus porta con sè".

"Il covid ha attaccato la cultura e ora la cultura risponde al covid", dichiara Innocenti, sottolineando quanto fosse importante la parola "contaminazione", in un'epoca in cui il mondo non era ostaggio di un virus sconosciuto, la cui prerogativa è proprio l'alto tasso di contagio e, prosegue dicendo, "A questi pannelli è destinata una funzione importante, di compagnia, di estetica e di diffusione di una bellezza che dura e durerà per sempre. E in un momento buio come quello che stiamo attraversando, un concetto come la bellezza, porta in sé un potere salvifico inestimabile", conclude l'imprenditore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

  • Zona arancione, oggi si decide per Roma e il Lazio: i romani dovranno abituarsi a nuove regole

Torna su
RomaToday è in caricamento