Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arriva anche a Roma Real Bodies, viaggio attraverso il corpo umano mai visto prima

 

Il corpo umano come non si è mai visto prima, attraverso l'esposizione di 350 tra organi e corpi umani veri, in grado di portare il visitatore a conoscere se stesso come mai prima.

La mostra Real Bodies sbarca a Roma, nella cornice del Guido Reni district, di fronte al Maxxi nel quartiere Flaminio, dopo il successo ottenuto in Europa e a Milano, per la quale sono stai registrati più di 260 mila visitatori.

Real Bodies, presentata nella mattinata di oggi, venerdì 7 aprile, sarà aperta al pubblico dall'8 aprile, per tre mesi. Un'esposizione unica nel suo genere, soprattutto perché mostra corpi umani veri trattati con la pratica della “plastinazione”, in grado di preservare per sempre i tessuti umani. Una tecnica usata anche in medicina, in grado di incrementare la conoscenza e lo studio nel corpo umano, limiti e punti di forza, ma soprattutto le cause delle differenti patologie.

L'allestimenti è curato dalla statunitense Premiere Exibitions e gestita in tour dalla società Venice Exhibition. Supervisore e testimonial è Alessandro Cecchi Paone: "Uno strumento unico ed un'esperienza imperdibile che mostra ancora di più quanto sia importante la conoscenza del corpo umano in medicina, ma non solo – spiega – In Italia fortunatamente si può donare a scopo terapeutico, confido che un'esposizione come questa porta alla creazioni di leggi in grado di permettere anche nel nostro Paese la donazione a scopo di ricerca".

Un viaggio esplorativo inimmaginabile. Tra le sale maggiormente apprezzate troviamo “Come mantenere il nostro corpo sano” in cui viene mostrato come si mantengono muscoli e sistema circolatorio sotto lo sforzo dello sport, ed il percorso “Apparato riproduttivo ed urinario” in cui si può vedere, tra le altre cose, l'intero sviluppo fetale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento