Matteo D’Agostino, Il flamenco d’autore italiano

Matteo D'Agostino
Matteo D’Agostino, affermato chitarrista romano e compositore di flamenco, dopo aver lavorato per anni come compositore per il cinema, in radio, in televisione e in teatro a fianco di Ascanio Celestini nonché con diverse compagnie italiane e spagnole di danza flamenca, sta finalmente per debuttare con il suo disco di composizioni originali.
Nella Capitale, dopo il successo dei due concerti a New York al “El Barrio” e al “Nai Tapas”, si esibirà il 26 gennaio al RomArtFactory e sempre a Roma presenterà il suo disco al Teatro del Lido il prossimo 7 aprile.
La critica lo acclama come un musicista dotato di una tecnica eccezionale, di una capacità compositiva notevole che abbraccia e fonde molti stili, di un’esecuzione emozionante e viscerale. Il pubblico, dal canto suo, lo apprezza moltissimo dal vivo, poiché i suoi concerti toccano momenti di altissimo lirismo musicale, grazie al quale Matteo D’Agostino fa magistralmente leva sulla sensibilità di chi l’ascolta. Il tutto senza stucchevoli virtuosismi, ma con la semplicità di cui solo i grandi talenti sono dotati.
La sua carriera nel magico mondo del flamenco ha conosciuto il suo apice nella collaborazione con il bailaor “El Farru”, membro dell’ultimo gruppo di Paco De Lucia, nello spettacolo “Por Un Sueño“, sognato, ideato e suggerito dallo stesso Paco de Lucia.
“Dopo anni di tournée e di lavoro come freelance” dichiara D’Agostino, “ho deciso di prendermi il tempo e lo spazio per creare un progetto mio e dopo quattro anni di lavoro è nato lo spettacolo “¡Aquí Me Encuentro!” che vuol dire “Eccomi Qui!”. Una dichiarazione d’amore per la musica e per un genere musicale, il flamenco, al quale mi dedico e sono devoto da oltre quindici anni. 
Parlando del suo progetto musicale, egli illustra: “Costituisce il punto d’incontro di tutte le influenze musicali che ho assorbito e che negli anni mi hanno emozionato, assumendo come per magia la forma del flamenco, la musica che attualmente sento più mia. I
“Il Cd quindi” prosegue il musicista, “si presenterà come un ensemble di otto composizioni originali, una sorta di suite, insomma, ispirate agli stili musicali flamenchi (palos) più conosciuti, come Bulerias, Alegrias, Tangos, Rumba, e così via. Il tutto influenzato da altri generi musicali come il jazz, la bossa-nova e la musica classica.”
Al momento Matteo D’Agostino è impegnato nel crowdfunding per la produzione del disco dallo spettacolo “¡Aquí Me Encuentro!”, la cui uscita è prevista per la metà del mese di marzo. Il crowdfunding è iniziato il primo Dicembre e termina il 30 Gennaio. Ad oggi dei 4,500€ D’Agostino ha raggiunto 1,500€. Alcuni brani del disco saranno arrangiati con la collaborazione di un quartetto d’archi e con la partecipazione straordinaria del  cubano Juan Carlos Zamora, oltre a quella del batterista e percussionista con cui D’Agostino ha ideato il progetto, ovvero Luca Caponi.
“Passione è felicità” e chi vuole sostenere questa passione può contribuire qui https://www.chitarraflamenca.it/

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Ama, finisce l'era Bagnacani: Raggi cambia per la quarta volta i vertici dell'azienda

  • Cronaca

    Manuel Bortuzzo: la forza di non arrendersi mai, inizia la riabilitazione. Il video messaggio

  • Politica

    Occupazioni, iniziato il 'trasloco' delle famiglie di via Carlo Felice

  • Cronaca

    Ciampino: tragedia sul lavoro, si ribalta con il bobcat. Morto un uomo

I più letti della settimana

  • Strade chiuse e bus deviati: il 14 febbraio attesi 5000 gilet arancioni. In serata la Lazio in Europa League

  • Roma, strade chiuse e bus deviati sabato 16 e domenica 17 febbraio: tutte le informazioni

  • Il Treno della Neve: da Roma a Roccaraso in carrozze d'epoca

  • Tragedia a San Giovanni: precipita dal sesto piano, morta 17enne

  • Bambina di 22 mesi in ospedale con traumi alla testa, è grave. Arrestato il compagno della madre

  • Bambina picchiata dal compagno della madre: morsi e ferite alla testa, resta in gravi condizioni

Torna su
RomaToday è in caricamento