menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La maschera romana di Meo Patacca

La maschera romana di Meo Patacca

Da Rugantino a Meo Patacca, tutte le maschere del Carnevale romano

Quali sono le maschere tradizionali del Carnevale romano, storia, carattere e costume

Se tra le nuove generazioni si è persa quasi del tutto la tradizione di vestire i panni delle tipiche maschere di Carnevale romanesche, ci sono cortei a Roma e nel Lazio che ancora oggi accendono i riflettori sulle maschere tipiche della tradizione romana. Sì, perché proprio come Venezia anche Roma ha i suoi personaggi. Rugantino e Meo Patacca sono i più noti, ma ne esistono anche altri.

Frappe, castagnole e non solo: quali sono i dolci tipici del Carnevale romano

Scopriamo dunque quali sono le maschere del Carnevale romano:

Rugantino

Iniziamo dal più famoso: Rugantino. Una delle maschere simbolo della romanità. Un personaggio nativo di Testaccio, il cui nome deriva da "ruganza" che vuol dire arrogante. E' infatti un giovane altezzoso, abile con parole e coltello, ma che in realtà ha un animo buono e sa farsi volere bene. La sua storia è una tragedia amorosa riproposta in tante rappresentazioni teatrali.

Nella tradizione romana, Rugantino è vestito in due modi, o da sgherro, con un vestito rosso e un cappello a due punte, oppure da popolano, con calzoncini consumati, fascia alla vita, camicia con casacca e fazzoletto al collo.

Meo Patacca

Meo Patacca è l'altra maschera che, con Rugantino, rappresenta più di ogni altra la romanità nella Commedia dell'arte. Si tratta di un personaggio originario di Trastevere, un attaccabrighe che provoca tafferugli in maniera sempre simpatica. E' un tipo spavaldo, impertinente ma dal cuore buono.

Nella tradizione indossa una giacca di velluto, un panciotto allacciato di lato, ha una sciarpa colorata in vita nella quale nasconde un pignale. Ha il fazzoletto legato al collo, un berretto portato all'indietro in testa o una retina. Indossa pantaloni sono stretti al ginocchio e scarpe con fibbie di acciaio. Spesso è raffigurato mentre beve un fiasco di vino.

Cassandrino

Cassandrino è una maschera del carnevale romano meno nota. Cassandrino è un uomo di origine nobile, un padre di famiglia che con il tempo diventa borghese e si lascia ingannare dalle figlie e dalle donne. E' un personaggio legato alle lamentele del popolo di Roma contro i papi. La maschera è caratterizzata da voce nasale, indossa copricapo a tricorno, una parrucca incipriata, una giubba a coda di rondine, un pantalone chiaro e delle scarpe con fibbia.

Don Pasquale

Don Pasquale de’ Bisognosi, è il nome di un'altra maschera romana. Non è un sacerdote, ma un uomo ricco che ama vestire bene. La sua vita è costellata di beffe. Nella tradizione indossa una veste ricca e palandrana, una parrucca grigia incipriata, le brache fino al ginocchio, le scarpe lucide con fibbia.

Generale La Rocca

Il Generale La Rocca è un'altra maschera romana, uno stracciarolo che vende oggetti usati a Campo de' Fiori. Se ne andava in giro per Roma sul suo asino, ricevendo ortaggi marci lanciatigli dai cittadini. Sulla divisa del Generale ci sono medaglie e decorazioni ricavate da tappi di bottiglie e fondi di lattine di conserve.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento