menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Pete Linforth da Pixabay

Foto di Pete Linforth da Pixabay

Fa venì il latte alle ginocchia: ecco perché si dice così

Alla scoperta del dialetto romanesco e dei modi di dire più diffusi

Vi è mai capitato di dire "M'hai fatto venì il latte alle ginocchia?" o di averlo sentito dire da altri? Questo modo di dire, abbastanza diffuso ancora oggi a Roma esprime una situazione di noia assoluta, di insofferenza, o si riferisce ad una persona pesante, che, appunto, annoia.

Ma da dove deriva questa espressione? Cosa c'entra il latte e cosa le ginocchia?

Pipinara, un assembramento alla romana: perché si dice così

Far venire il latte alle ginocchia

In realtà questo detto, nella sua variante più italiana, è diffuso in tutto lo stivale, ma i romani - con il loro dialetto - hanno saputo renderlo ancora più colorito, perché quel "Me fai venì er latte alle ginocchia" non si batte, se poi è accompagnato da tono seccato e annoiato tanto meglio.

Questo modo di dire deriva da un'antica tecnica di mungitura delle mucche, quella svolta a mano che qualcuno svolge ancora oggi. In pratica, colui che deve mungere a mano la mucca, si siede solitamente accanto al bovino, mette un secchio sotto alle mammelle e inizia la mungitura. Si tratta, però, di una pratica lunga, faticosa, spesso noiosa, anche perché il latte deve arrivare fino al livello delle ginocchia.

Ecco spiegato il detto. "Il latte alle ginocchia" indica proprio quel tempo lungo, quella situazione lenta e pesante che annoia, sfinisce. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento