menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto dalla pagina Facebook del Comune di Itri

Foto dalla pagina Facebook del Comune di Itri

Itri, la città dell'olio tra i Monti Aurunci e il golfo di Gaeta

Cosa vedere a Itri. Dove mangiare, dove dormire e come raggiungere da Roma. La guida completa

Un borgo medievale, arroccato sulle pendici dei Monti Aurunci, con una vista mozzafiato sulla costa rocciosa di Punta Cetarola. Siamo a Itri, in provincia di Latina, vicino ai comuni di Gaeta, Sperlonga e Formia.

Un borgo le cui origini sono antichissime e la cui storia risale agli Aurunci prima e ai Romani poi. Questi ultimi costruirono nel 312 a.c. la via Appia, Itri, dal latino Iter, vuol dire "via" o "cammino".  Oggi il borgo è caratterizzato da due nuclei: l'insediamento antico, medievale, con casette arroccate e il castello (costruito intorno al V-VI secolo) e il centro abitato più moderno che si sviluppa lungo la via Appia e dove si possono ancora ammirare resti dell'antica strada.

Foliage d'autunno: 5 luoghi per ammirarlo a Roma e dintorni 

Cosa vedere a Itri

Da visitare a Itri sono le chiese di San Michele Arcangelo, la chiesa dell'Annunziata e il convento di San Francesco. Da non perdere anche una visita alle cosiddette gole di Sant'Andrea. Nella valle omonima, infatti, si trova uno dei tratti più belli e meglio conservati della via Appia. Il percorso a valle di questo tratto era terrazzato e caratterizzato da poderose costruzioni in opera quadrata e poligonale. Passeggiando, inoltre, si possono ammirare ancora oggi resti di costruzioni di difesa dai briganti e dei posti di blocco borbonici. Qui si trova il forte di S.Andrea, edificato sui resti di un antico tempio dedicato ad Apollo e il fortino di Fra Diavolo, il "brigante-patriota" di Victor Hugo. 

Questo tratto della via Appia Antica, per i resti che conserva e per lo stato con cui si è mantenuto nel tempo, è unico e un museo da non perdere. Non a caso, Itri, negli anni, è stata scelta come set di vari film, da "La Bibbia" a "Scipione, detto l'Africano". Qui sono state girate anche alcune scene de "La Ciociara".

Itri è un borgo suggestivo per la sua storia, la sua conformazione ed è anche un perfetto punto di partenza per gite verso il golfo di Gaeta, Sperlonga, Campodimele, Fondi, Esperia, per itinerari sul Monte Fusco, dove si trova il Santuario della Madonna della Civita.

Cosa mangiare a Itri

Itri è famosa per il suo olio, la cui varietà è definita "itrana". Il borgo è noto anche per la cicerchia, legume particolarmente ricco di proteine, cucinato con cicoria selvatica e broccoletti. Anche il cacio marzolino viene prodotto, nel mese di marzo, dalle pecore e dalle capre, assemblato in tipiche formine e consumato fresco o salato, anche con erbe fresche di montagna, peperoncino, o messo sott'olio. Per gustare prodotti locali e non solo, ci sono diversi ristoranti-pizzerie a Itri e dintorni, tra cui "Easy Pizzeria", "I Miserabili", "Sii pur brigante", "Contrabbando urbano", "Osteria Murat". 

Dove dormire a Itri

Tra hotel e b&b non mancano le soluzioni per trascorrere un weekend o qualche giorno a Itri. Dalla casa vacanze G&Giò, al Casale di Valle Fredda, dalla Maison Galu alla Collina degli Ulivi. 

Come arrivare da Roma a Itri

Prendere l'A24 e l'A1/E45 fino a Ceprano. Prendere l'uscita Ceprano, proseguire su SP151 e SR82 in direzione di Corso Vittorio Emanuele II/SS7 fino a Itri. 

Le altre guide di RomaToday

Visitare Isola del Liri: la guida

Visitare Campodimele: la guida

Visitare Calcata: la guida

Visitare Sant'Angelo di Roccalvecce: la guida

Visitare Canterano: la guida

Visitare Subiaco: la guida

Visitare Torre Alfina - Acquapendente: la guida

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento