Cultura

Luglio fuori porta: 5 escursioni da organizzare nei dintorni della Capitale

5 luoghi da scoprire, uno per ogni provincia del Lazio

Lago del Turano, Foto di MAOMAX da Pixabay

Quest'estate tutti al mare? Forse gli scorsi anni, ma in questa strana estate 2020 sono in tanti a non pensarla così. C'è chi punta sulla cultura, approfittando dei pochi turisti per visitare musei, monumenti e ville della Capitale. C'è chi scappa dalla città, pur restando nel Lazio e andando alla ricerca di calma, relax, pace, senza doversi allontanare troppo da Roma. 

La nostra regione vanta un patrimonio culturale, storico e naturalistico incredibile e non mancano gli spunti per delle indimenticabili gite fuori porta. Oggi RomaToday vi porta alla scoperta di borghi, castelli, laghi, località di montagna per staccare la spina dalla quotidianità e rilassare mente e corpo.

Ecco 5 mete per una gita fuori porta, una per ogni provincia del Lazio:

Paliano

Altra meta per una fuga da Roma alla ricerca di natura e fresco è Paliano, in provincia di Frosinone. Qui, dove natura e architettura si fondono, sorge un borgo che veglia sulla valle del Sacco e che vale la pena scoprire anche con i bambini. Da vedere Palazzo Colonna, il Museo delle Armi, la Galea Ammiraglia, la Sala delle Torture, il Museo del Vino e la Mostra dlgi Stendardi e la vicina Selva, un'oasi botanica ed ornitologica.

Campodimele

Ci spostiamo in provincia di Latina, sul versante pontino dei Monti Ausoni, alla scoperta di Campodimele. Un borgo piccolo ma ricco di bellezze, arroccato e dalla sua struttura circolare. La sua cinta muraria medievale, con 14 torri semicilindriche è tutelata come bene culturale e, ancora oggi, abitata. Bellissime le vedute sul Monte Faggeto da una parte, sul golfo di Gaeta dall'altra. Campodimele è anche noto come "il paese della longevità", con un segreto elisir di lunga vita. Luogo da cui partire per escursioni in montagna o per una giornata al mare bellissimo di Gaeta e dintorni.

Calcata

Arriviamo in provincia di Viterbo, a Calcata. Un borgo nato su uno sperone tufaceo e immerso nella bellissima Valle del Treja. Nota anche come "borgo degli artisti" questa cittadina fa immergere i visitatori in stradine tortuose, dove l'accesso alle auto è vietato. Tra gli archi del borgo, spesso ricoperti di verdeggiante edera, ecco spuntare botteghe di artigiani, restauratori, artisti. Presenti associazioni culturali per ascoltare buona musica, leggere un buon libro, assaggiare dolci genuini, bere un calice di vino. Calcata è una bomboniera della nostra regione, molto vicina alle suggestive Cascate di Monte Gelato.

San Gregorio da Sassola

Siamo in provincia di Roma, a soli 42 km dalla Capitale, in un borgo caratteristico e ricco di storia: San Gregorio da Sassola. Una cittadina medievale, con il suo castello baronale all'apice e due accessi, uno da piazza Brancaccio e l'altro dall'antica Porta Peti. Un borgo antico da visitare a piedi, per perdersi tra pittoreschi vicoli, tra cui quello di San Giuseppe. Un paesino che colpisce gli occhi e rilassa la mente e che può essere un ottimo punto di partenza per gite a Tivoli (con le sue bellissime Villa d'Este, Villa Adriana e Villa Gregoriana) e Castel Madama.

Ascrea

Ultima tappa in provincia di Rieti, nel piccolo paese di Ascrea, sul versante sud-orientale del Lago del Turano. Un piccolo centro ideale per unire cultura e relax. Il paesino si trova a 700 metri di altezza, con un bellissimo panorama, da qui ci si può avventurare per sentieri di montagna, nella riserva naturale Monte Cervia e Navegna, oppure dirigersi verso il Lago del Turano (tra i più belli del Lazio), per una giornata fresca e all'insegna della tranquillità. A tavola? Assaggiate le fettuccine con i funghi porcini molto rinomato e ricordate che Ascrea è anche la città del tartufo e del miele.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luglio fuori porta: 5 escursioni da organizzare nei dintorni della Capitale

RomaToday è in caricamento