Giornate FAI di Primavera 2017: ecco i siti da scoprire a Roma

Il 26 marzo torna la manifestazione del Fondo Ambiente Italiano: una grande festa di piazza dedicata ai beni culturali per scoprire luoghi solitamente chiusi al pubblico

Tornano le Giornate FAI di Primavera, evento giunto alla sua 25° edizione. Domenica 26 marzo 2017 la manifestazione del FAI, Fondo Ambiente Italiano, vi permetterà di scoprire luoghi solitamente chiusi al pubblico e di ammirarne le bellezze. 

Un'occasione unica anche per sentirsi parte di quell’Italia vivace e impegnata creata dai 9 milioni di persone che in questi anni hanno dimostrato di amare e di riconoscersi nell’immenso patrimonio culturale custodito nel nostro Paese.

Sono oltre 1.000 i luoghi aperti con visite a contributo libero in tutte le Regioni grazie all’impegno e all’entusiasmo delle Delegazioni e dei volontari del FAI. Il 25 e 26 marzo dunque in 400 località di tutta Italia le Giornate FAI di Primavera: una grande festa di piazza dedicata ai beni culturali da non farsi sfuggire.

Ecco i siti che nella che in occasione delle Giornate FAI di Primavera 2017saranno visitabili a Roma.

AUDITORIUM DI MECENATE - Il cosiddetto Auditorium di Mecenate, così identificato appena scoperto a causa della presenza di una gradinata nell'abside, è stato riconosciuto in realtà come il Ninfeo di un grande triclinio estivo nella vasta e lussuosa residenza di Mecenate, il famoso statista collaboratore ed amico di Augusto. Alla sua funzione di triclinio infatti richiamano sia i versi del poeta greco Callimaco, dipinti sulla parete esterna dell'emiciclo, che alludono agli effetti del vino durante un simposio, sia la ricca decorazione delle nicchie affrescate con elementi mitologici e motivi ornamentali e naturalistici che davano agli ospiti l'impressione di affacciarsi su lussureggianti giardini.

DOMUS AUREA - Subito dopo l’incendio del 64 d.C., che distrusse gran parte del centro di Roma, l’imperatore Nerone fece costruire una nuova residenza, molto più grande e più lussuosa di quella che aveva sul Palatino, con le pareti ricoperte di marmi pregiati e le volte decorate d’oro e di pietre preziose: la Domus Aurea. La dimora, che si estende dall’Esquilino al Palatino, è tornata di recente al suo antico splendore, con trentamila metri quadrati di affreschi e di intonaci dipinti, all’interno dei 153 ambienti finora scavati: nella fastosa residenza di Nerone i colori originari, che tanto affascinarono gli artisti del Rinascimento, sono tornati a risplendere nella loro grandiosità. 

CENTRO STUDI AMERICANI, PALAZZO MATTEI DI GIOVE - l palazzo Mattei di Giove, che occupa la parte sud-orientale della vasta insula Mattei, fu costruito tra la fine del '500 e l'inizio del '600 per Asdrubale Mattei su progetto di Carlo Maderno. Il suo cortile ornato sulle pareti da una moltitudine di rilievi antichi, come in un museo open air, è uno dei più belli nei palazzi romani. Al piano nobile si conservano magnifici dipinti eseguiti dagli artisti più importanti del primo '600 quali Lanfranco, Albani, Pomarancio. Spicca per la sua bellezza la Galleria con gli affreschi di Pietro da Cortona, una delle prime opere dell'artista a Roma.

COMPLESSO DI TRINITA' DEI MONTI - Il Collis Hortulorum di epoca romana, dal XV secolo ospita il monastero dei Frati Minimi, l’ordine creato da San Francesco di Paola, per la cui decorazione sono stati chiamati i migliori artisti in Roma. Nel Seicento si arricchisce di mirabili creazioni scientifiche e due strabilianti anamorfosi. La più grandiosa illusione pittorica del convento, tuttavia, viene realizzata da Andrea Pozzo, che trasforma il refettorio nel palazzo delle cento colonne. L’occupazione napoleonica poi determina la dispersione dell’Ordine e il saccheggio del convento. Nel XIX secolo il complesso accoglie la scuola francese voluta da François René de Chateaubriend; tale scelta pedagogica persiste sia sotto la guida delle Suore del Sacro Cuore, sia con l’attuale Communautè de l’Emmanuel.

PALAZZO BALDASSINI - Per il suo palazzo in Via delle Coppelle il giurista Melchiorre Baldassini si rivolse ad Antonio da Sangallo il Giovane il quale, tra il 1515 ed il 1518, eresse “il più comodo e primo alloggiamento di Roma”: ambienti eleganti e splendidamente affrescati da Perin del Vaga ed artisti della scuola di Raffaello, secondo un programma dal significato non ancora interamente chiarito, nel quale “l'avvocato dei poveri” Baldassini riassunse i valori fondanti della sua esistenza.

PARCO VILLA GREGORIANA (TIVOLI) - Boschi, cascate, sentieri, antiche vestigia, grotte naturali, un fiume inghiottito nella roccia e una spettacolare cascata. Poco distante da Roma, al cospetto dei celebri templi romani di Tivoli, Villa Gregoriana è un parco romantico di fine Ottocento, meta di viaggiatori del Grand Tour, artisti, re e imperatori.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento