Cultura

Gioco delle biglie, il divertimento senza tempo ha origini romane

Furono gli Antichi Romani i primi ad inventare il gioco delle biglie, un po' diverse da quelle con cui i bambini degli anni '70 sono cresciuti e con cui i bambini di oggi amano divertirsi ancora al mare

Le biglie, un gioco che ancora oggi appassiona i bambini e che ha radici molto lontane.

Già i nostri genitori, i nostri nonni ci giocavano, in strada e ci raccontano delle ingegnose piste realizzate con le loro mani, molto meglio di quelle che oggi si acquistano nei negozi di giocattoli.

C'era chi amava collezionare le più belle, quelle in vetro con le varie striature variopinte all'interno, chi scambiava i doppioni tra amici, un po' come si fa con le figurine.

Buzzico rampichino, quell'antica acchiapparella alla romana

Il gioco delle biglie nell'Antica Roma

Ma forse in pochi sanno che il gioco delle biglie - anche detto delle palline - nasce nell'Antica Roma. Le prime biglie, quelle con cui giocavano gli Antichi Romani, erano in coccio o in vetro. Il gioco consisteva nel lanciare la propria pallina, colpire quella dell'avversario per farla cadere dentro una piccola buca scavata nel terreno. Ancora oggi, osservando la scalinata della basilica Giulia al Foro Romano, è possibile notare dei piccoli fori. Sembra proprio si trattasse delle buche scavate dagli Antichi Romani per giocare con le biglie. 

marbles-1489920_640-2

Il gioco delle biglie negli anni

Il gioco delle biglie è stato tramandato nel tempo. Negli anni '70 hanno iniziato a diffondersi le prime biglie di plastica, più grandi di quelle in vetro collezionate e ancora conservate da molti. Biglie grandi, con una metà colorata opaca e l'altra metà trasparente, con all'interno immagini di atleti, macchine e moto da corsa.

Il gioco delle biglie oggi

Il gioco si è evoluto fino ad arrivare ai tempi moderni e i bambini hanno iniziato a realizzare in strada e in spiaggia dei veri e propri circuiti in cui le biglie potessero svolgere una vera e propria gara. Ancora oggi il gioco, soprattutto d'estate, è diffuso tra i bambini che con amici, genitori, zii e nonni, realizzano sulla sabbia delle piste piene di ostacoli, rotatorie, ponti, buche da aggirare. Un divertimento semplice, senza arzigogoli e senza tempo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gioco delle biglie, il divertimento senza tempo ha origini romane

RomaToday è in caricamento