Domenica, 26 Settembre 2021
Cultura

Torna il Gay Village, sempre più scuola di inclusione che "regala felicità ai romani"

Conferenza stampa di presentazione dell'ormai consueto appuntamento rainbow dell'estate romana. Per il quindicesimo anno consecutivo un posto esclusivo che non esclude nessuno

Dalle difficoltà di mettere un manifesto con la scritta gay nel cuore della città del Papa all'approvazione della legge sulle unioni civili. Quindici anni, una storia ormai consolidata, un punto di riferimento per il panorama culturale della città. "Unico al mondo", rivendica con orgoglio una delle storiche fondatrici Imma Battaglia. Parliamo del Gay Village la cui nuova edizione è stata presentata oggi alla stampa al Teatro Quirinetta. "Puntiamo", spiega la Battaglia, "a regalare momenti di felicità ai romani, in un periodo in cui in questa città c'è ben poco di cui essere felici". Musica, teatro, discoteca, ma anche arena per dibattiti e da quest'anno una vera e propria scuola, anzi un college al Parco del Ninfeo all'Eur.

E' questo il modo scelto per festeggiare il quindicesimo anno di età. Il Gay diventa per l’occasione College, nella piena tradizione trasformista della manifestazione, invadendo la città con una campagna pubblicitaria appositamente creata dai CUT, che porta all'interno della struttura scolastica, il colore e la vivacità della cultura LGBTQI. 

La "preside" Vladimir Luxuria, al timone della direzione artistica per il quarto anno consecutivo: "Siamo certi che sarà proprio l'uguaglianza l'insegnante migliore per le migliaia di frequentatori del nostro evento". Ad inaugurarlo, il prossimo 1 giugno, la speciale presenza della madrina Mara Venier.

Popolo del Gay Village  (3)-2

Il Gay Village propone al pubblico 45 date estive (42 dal giovedì al sabato, più 3 date extra: 1° e 28 giugno e 14 agosto), erigendo così la propria scuola dell'inclusione, che da sempre auspica un Paese Libero e Civile, dove la voglia di conoscenza si fonda alla voglia di divertimento del pubblico, dando vita ad un unico corpo dalla doppia anima. 

Oltre 15.000 metri quadri, una media di 5000 ingressi al giorno, tre differenti piste con diverse offerte musicali (Pop, House & Hit), aree tavoli riservate, quattrocento impiegati ed una programmazione artistica variegata, che propone in modo trasversale appuntamenti di teatro, interviste-spettacolo, concerti, proiezioni e le tanto attese Lectio Magistralis, momenti in cui gli ospiti invitati, approfondiranno argomenti colti, spinosi o semplicemente attuali, sempre nello stile Gay Village. 

Anche quest'anno, a sostegno della coloratissima kermesse, non mancherà il supporto radiofonico di M2O - Radio allo stato puro, emittente presente all'interno del parco con una postazione fissa da cui trasmetterà le calde notti arcobaleno dalle 22.00 a Mezzanotte.

MUSICA - Il ritorno dei grandi appuntamenti con la musica, sarà un vero e proprio lustro per il Gay Village College, che quest'anno si pregia della presenza in esclusiva di grandi nomi come Noemi (il 4 giugno con il tour "Cuore d'Artista"), Loredana Bertè (il 23 luglio con "Amici non ne ho... Amiche si") e Paola Turci (con i più grandi successi in versione acustica, il 6 agosto nell'ambito del "Venus Rising Festival"). Amplieranno il ventaglio di note arcobaleno i mini live di Virginio, Manuel Foresta, Cassandra De Rosa, Andrea Maestrelli, Claudio Cera e Belaid, presentati da "apeRIVER Live Concert" (10 giugno); il reading musicale "Sound Portraits - David Bowie", di Luciano Vanni (11 giugno); Marco Martinelli con il nuovo singolo "La Luna e L'Alieno" (8 luglio); Ladyvette con "Una Gaia Serata Swing" (30 luglio); Aida Cooper con un omaggio a Mia Martini, e Cecile con il suo ""Video Live Set" (rispettivamente 4 e 6 agosto nell'ambito del "Venus Rising Festival"); Ambra Mattioli e gli Aladdin Insane, con un "Tributo a David Bowie" (11 agosto). Chiudono il giro musicale e la manifestazione, i concerti del 3 settembre, che vedranno sul palco, prima  i Tamburi Giapponesi dei Taiko Do, gruppo di Rita Superbi, seguiti dal Live di Immanuel Casto e Romina Falconi con l'interpretazione dal vivo della sigla "Who is Afraid of Gender?".

Popolo del Gay Village (1)-2CONFRATERNITA - Fiore all'occhiello di questa edizione e decisamente affine al tema College sarà la Confraternita, vero e proprio luogo di appartenenza ed oasi privata all'interno della manifestazione, da cui sarà possibile ballare, godendo di una visuale a 360°. Un vero e proprio villaggio nel villaggio ...o sul villaggio, com'è più giusto dire, poichè la Confraternita si erge ad oltre 4 mt da terra (sopra le piste) e sarà il luogo dove attraverso il tipico costume goliardico del college, si rivivranno le divertenti atmosfere delle due fazioni principali di sorellanza e fratellanza. Inoltre, per la prima volta all'interno della struttura, saranno previsti dei distributori di gadgets tematici disponibili al pubblico.

STREAMING -  Nell'epoca della comunicazione al tempo del web, il Gay Village non vuole trovarsi impreparato e punta tutto sull'immediatezza dello Streaming! Gay Village TV, canale video online nato nella passata edizione, trasmetterà la vita del villaggio, oltre a molteplici contenuti come le webseries (tra cui la serie gay “G&T” e la lesbica “LSB - The Series”, oltre alla nuovissima “MusiCall" webTheatre) ed il cortometraggio “L'Amore è una scarpa comoda”, di Fabio Massimo Lozzi, tratto dal film “Oggi insieme, domani anche”, a cura di Antonietta De Lillo, per la produzione MarechiaroFilm. (Vedi Scheda su CD di "Gay Village TV"). 

RISTORAZIONE - Seguendo il trend food ed il gusto comune, lo StreetFood la farà da padrone con importanti brand tra cui: T-Burger, Alice Pizza, Queen Chips e Lapulia (il primo pluripremiato street food pugliese).

TEATRO - Le performance itineranti di Ondadurto Teatro inaugureranno la stagione il 1°giugno; l'attore italo-cinese Yang Shi diretto da Cristina Pezzoli, sarà in scena con Tong-Men G (17 giugno); l'amico, il geniale Alessandro Fullin torna al village con un infeltrimento teatrale di un classico della letteratura americana, "Piccole Gonne" (24 giugno); il reading teatrale "Eterologa, la maternità è altrove. Sei personaggi in cerca di... possibili risposte", a cura di Emilia Costantini, scuoterà gli animi su un tema caldissimo, attraverso le letture di Pamela Villoresi, Laura Lattuada, Eva Grimaldi, Sabina Vannucchi, Maria Chiara Augenti e Bruno Armando (30 giugno); "Wikipiera", vedrà sul palco l'inedita e sorprendente coppia composta dalla immensa Piera Degli Esposti e Pino Strabioli (1° luglio); a seguire "Lettere a Yves", il reading teatrale con Pino Ammendola, tratto da "Lettere a Yves Saint Laurent", di Pierre Bergé, per la regia di Bobo Piana (8 luglio); la commedia brillante a tinte comiche di Daniele Falleri dal titolo "Il Marito di Mio Figlio", vedrà on stage Eva Grimaldi, Andrea Roncato, Pietro De Silva, Ludovico Fremont, Pia Engleberth, Roberta Garzia e Andrea Standardi (22 luglio); "Strimpelli e Vinile" con Attilio Fontana ed Emiliano Reggente, fonderà musica e teatro in un viaggio poetico tra divertimento e nostalgia (29 luglio); "Diario di una Donna Diversamente Etero", di Giovanna Donini, con Roberta Lidia De Stefano e Annagaia Marchioro alias Le Brugole, per la regia di Paola Carassi, darà voce a varie tipologie di donne (il 4 agosto, nell'ambito del Venus Rising Festival); si prosegue con "Pillole di Cuoro" di e con Gioia Salvatori, per la regia di Giuseppe Roselli, lo spiritoso blog sui sentimenti, portato in scena dalla nota blogger (19 agosto); "Sinestesia", spettacolo finale del Laboratorio Teatrale Di' Gay Project, diretto da Maria Chiara Cucinotta, con la direzione artistica di Maria Laura Annibali, chiuderà la stagione teatrale, con la compagnia dei giovani I Beerbanti (2 settembre).

Popolo del Gay Village (2)-2EVENTI e CONTEST - Tra gli eventi principali dell'estate al Ninfeo fortemente sostenuto dal Gay Village, spicca ADORO, l'Official Pride Party curato da Muccassassina, per la direzione artistica di Diego Longobardi (11 giugno). Riapre i battenti la scuola del talento di Gay Village Academy (9 e 23 giugno, 7 e 21 luglio, 5 e 25 agosto), diretta da Manuel Minoia, Daniel Decò e Christian Nastasi, che verrà celebrato il 1° settembre con il Galà finale "Movies, La Scuola dei Sogni" (Vedi Scheda su CD "Gay Village Academy"); nell'extradata del 28 giugno arriva la finale regionale del contest più truccato d'Italia Drag Factor, in previsione della quarta edizione nazionale del Drag Factor - The Italian Race, condotto da Silvana della Magliana e Mario Glossa, con la partecipazione di KastaDiva e la direzione di Simone Farag e Polena De Kastor, per la tre giorni che vedrà protagoniste oltre 60 drag queen da tutto lo stivale (14, 15 e 16 luglio); la moda irrompe con U/Nite e il glamourissimo Oltremoda (2 luglio); a cura di Gaycs arriva la terza edizione dei giochi arcobaleno dal titolo Italian Gaymes (7, 8 e 9 luglio) (Vedi Scheda “Italian Gaymes”); attesissimo il ritorno dell'appuntamento cult Cartoon Party, ideato dal Trio Medusa accompagnato da Dj Osso (15 luglio); a fine luglio con gli Animalisti Italiani arriva il Dog Village Pride, una serata con gli amici a quattro zampe per combattere la piaga dell'abbandono (28 luglio); a seguire "L'ironia rainbow al tempo dei social", con Federico Boni di Spetteguless e I Gentlemen di Grindr (29 luglio); festeggia i suoi quindici anni insieme al Gay Village il ”Venus Rising Festival”, in una tre giorni che racconta in modo trasversale il meglio dell'intrattenimento al femminile (dal 4 al 6 agosto); in anteprima nazionale la proiezione del documentario palestinese "Oriented", alla presenza del protagonista Khader Abu-Seif (12 agosto); molto atteso dalle migliaia di partecipanti degli scorsi anni lo Schiuma Party, nella caldissima notte del 14 agosto; per il secondo anno consecutivo, a cura di Mauriziano Carannante, torna Miss Frociarola, la finale del concorso nazionale rivolto alle migliori amiche dei gay (20 agosto). 

PRESENTAZIONE LIBRI - Anche quest'anno tornano le presentazioni dei libri che hanno costellato la stagione letteraria 2015-2016. Dopo la presentazione del libro di Tommassini, sarà la volta di Eugenia Romanelli con "La Donna senza Nome", ed. Castelvecchi (1° luglio), per passare poi a Monica Romano ed il suo "Trans. Storia di Ragazze XY", ed. Murzia (9 luglio). Appuntamento imperdibile quello con Michela Marzano ed il suo "Papà, Mamma e Gender", ed. Utet (23 luglio), seguita da Emiliano Reali con "Maschio o Femmina?", ed. Meridiano Zero (28 luglio); si conclude con Daniel De Lucia ed il suo "Il Gergo Gay Italiano. Il Novecento e gli Anni Duemila", ed. Accademiche Italiane (27 agosto). 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna il Gay Village, sempre più scuola di inclusione che "regala felicità ai romani"

RomaToday è in caricamento