menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto da Facebook Er Pinto

Foto da Facebook Er Pinto

"Cosa rimane", la poesia in musica di Er Pinto e Emilio Stella nata in quarantena

Il poeta romano Er Pinto racconta in anteprima a RomaToday il brano omaggio a Rino Gaetano

In piena quarantena nasce la poesia in musica scritta a quattro mani dal poeta Er Pinto e dal cantautore Emilio Stella. "Cosa rimane" è il titolo del brano omaggio a uno dei grandi maestri della musica italiana: Rino Gaetano.

Er Pinto, poeta anonimo romano e Emilio Stella, cantautore noto nella scena indipendente romana immaginando di poter duettare con il loro idolo hanno scritto un brano che prende ispirazione dalla canzone 'Fontana chiara'. Una delle poche canzoni in cui Rino Gaetano dice solo una frase e tutto il resto è musicale: "Abbiamo provato a pensare: 'Chissà in quel silenzio quante cose ci stanno nascoste' - ha raccontato a RomaToday Er Pinto - partendo da qui io e Emilio, fan accaniti di Rino Gaeteno, abbiamo creato un brano che appunto si ispira a questa fontana 'un poco dolce e un poco amara', una contrapposizione tra un bene e un male che in certi punti sembra coincidere".

“Cosa Rimane” è una vera e propria poesia musicata. Er Pinto ed Emilio Stella si sono confrontati passo passo sia per la scelta minuziosa delle parole sia per quanto riguarda la linea melodica del brano, poi suonato dai musicisti che spesso accompagnano Emilio Stella nei suoi tour in tutta Italia: Primiano Di Biase (piano), Ruggero Giustiniani (percussioni), Samuel Stella (chitarre), Davide Costantini (basso).

Un testo nato ai tempi del Covid, che uscirà sui canali digitali il prossimo 2 giugno: "Una data simbolica - spiega Er Pinto - perché corrisponde all'anniversario della morte di Rino Gaetano". Ma soprattutto una canzone nata in piena quarantena, con la difficoltà di non potersi vedere, di lavorare a distanza, attraverso uno schermo, ma che ha creato una collaborazione perfetta tra grafici, musicisti, distrubuzione. Un progetto completamente autoprodotto, come il poeta romano racconta a RomaToday: "Questo brano è come un passaggio, un fiume che scorre e che alla fine si chiude con la libertà, che è l'augurio che ci stiamo facendo tutti".

Emilio Stella e Er Pinto non sono alla loro prima collaborazione, infatti hanno già presentato insieme “E io te amo” (2015) una poesia che è diventata una delle più belle dichiarazioni d’amore a Roma e hanno creato uno spettacolo teatrale con Ariele Vincenti che sia chiama “Tutte le Strade Portano ar Core” un viaggio in musica e poesia che parte dalla periferia per arrivare al cuore pulsante della città.

In "Cosa Rimane" Roma non è in primo piano, ma c'è sempre ci dice ancora Er Pinto: "Io Roma la porto nel nome, anche Emilio Stella rappresenta la città. Lo facciamo come piccoli personaggi".

cosa rimane-2

(La copertina del singolo è stata disegnata a mano e colorata in digitale dall’illustratore e Street Artist, Mattia Yest)
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento