Connessioni: lo spettacolo che racconta l'integrazione al Teatro Orione

Il tema dell’integrazione raccontato attraverso la danza, in un mix coinvolgente di luci, effetti speciali e proiezioni 3D. Venerdì 17 marzo al Teatro Orione di Roma (Via Tortona 7, Ore 21:30) andrà in scena “Connessioni”, spettacolo musicale e teatrale ideato e diretto dal coreografo internazionale Simone Ginanneschi che racconta le vicende di 12 ragazzi di varia etnia e provenienza che si intrecciano in una connessione ideale tra musica, danza e percezioni extrasensoriali. Mix innovativo tra danza contemporanea e hip hop, impreziosito da elementi multimediali, laser e luci che si fondono magicamente con le coreografie portate in scena, lo spettacolo è prodotto da “Bounce Factory Dance Studio” in collaborazione con “OutRule Crew” e “Frameless Studio”.

LA STORIA - Lo spettacolo intreccia gradualmente le storie di 12 ragazzi di paesi diversi in una rappresentazione intensa ed emozionante. Ognuno con le proprie origini, culture ed orientamenti sessuali differenti. I ragazzi sono lontani fisicamente ma qualcosa li accomuna e li porta man mano ad avvicinarsi, a conoscersi e addentrarsi ognuno nella vita dell’altro. Le connessioni avvengono tramite percezioni extrasensoriali, rese possibili dall’interazione tra ballerini ed effetti grafici come luci e proiezoni. Nonostante la distanza i 12 protagonisti si ritroveranno spesso in medesime situazioni, compieranno le stesse azioni, arriveranno ad essere in grado di aiutarsi l’uno con l’altro, a volte in modo conscio, altre in modo inconscio.

La consapevolezza di questa connessione aumenta progressivamente, fino al punto di divenire poi un vero e proprio punto di forza che, se in un primo momento li disorienta nel cercare di scoprire il significato di queste percezioni e di questa elevata connessione psichica, in seguito permetterà loro di diventarne padroni e utilizzare questa energia in modo mirato ed efficace. Nel culmine della loro interazione, i vari personaggi, scopriranno di non essere i soli a possedere determinate “capacità” ma che al mondo esistono migliaia di persone simili a loro.

Nello spettacolo i vari soggetti vengono presentati singolarmente in modo meticoloso e dettagliato, facendone emergere le caratteristiche personali, le particolarità, le contraddizioni e tutto ciò per cui il loro paese d’origine li rende tali, includendo in questo modo anche temi che variano dalla politica all’identità personale, dalla sessualità alla religione.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "Teatri in movimento lungo l'acquedotto", stagione condivisa Teatro Studio Uno e Teatro Biblioteca Quarticciolo

    • dal 15 ottobre al 18 dicembre 2020
    • Teatro Biblioteca Quarticciolo
  • Teatro de’ servi, una nuova doppia stagione

    • dal 24 settembre 2020 al 31 maggio 2021
    • Teatro de' Servi
  • Teatro Lo Spazio, la stagione 2020-2021: tutti gli spettacoli

    • dal 15 ottobre 2020 al 6 giugno 2021
    • Teatro Lo Spazio

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Back to nature, installazioni d'artista a Villa Borghese

    • Gratis
    • dal 15 settembre al 13 dicembre 2020
    • Villa Borghese
  • Il Regno di Babbo Natale, un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • Il tempo di Caravaggio. Capolavori della collezione di Roberto Longhi, prorogata la mostra

    • dal 16 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Musei Capitolini, Palazzo Caffarelli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RomaToday è in caricamento