Johnny Winter: la Leggenda del Blues in concerto al Crossroads

La leggenda vuole che nel 1962 Johnny Winter, appena diciassettenne, abbia assistito a uno show del grande bluesman B.B.King, convincendo l'artista a prestargli la sua chitarra e a dargli la possibilità di esibirsi sul suo stesso palco, ottenendo una standing ovation. Un inizio emblematico per la carriera di quello che sarebbe diventato uno dei cantanti e chitarristi più apprezzati e rispettati, nonché l'anello di congiunzione tra il rock-blues britannico di Eric Clapton e Jimmy Page e il southern rock americano di Allman Brothers e Lynyrd Skynyrd.

Dopo il primo album omonimo, pubblicato per la Columbia Records nel 1969, e la partecipazione a Woodstock nello stesso anno, Johnny Winter continua a tenere alta la fiaccola del blues elettrico attraverso gli anni '70 insieme all'hot trio che lo accompagna anche live: il bassista Tommy Shannon e il batterista Uncle John Turner, cui si aggiunge il fratello Edgar Winter alle tastiere e sax. Album come "Johnny Winter And" (1970), "Still Alive and Well" (1973) e "John Dawson Winter III" (1974), nei quali il musicista albino reinterpreta alla sua maniera brani di Chuck Berry e B.B.King, ma anche di Bob Dylan e Rolling Stones, diventano subito classici del genere.

Ma non è tutto: Johnny Winter contribuisce anche al rilancio della carriera di un gigante del blues - nonché suo idolo di gioventù - del calibro di Muddy Waters, producendo "Hard Again" (1977), vincitore di un Grammy, "I'm Ready" (1978) , "Muddy 'Mississippi' Waters Live" (1979) e "King Bee" (1981). Il successo di queste collaborazioni è tale che Waters si riferisce a Winter definendolo "il suo figlio adottivo".

Nonostante il successo commerciale, Johnny Winter rimane fedele alle sue radici, continuando a suonare il blues nella sua forma più pura e senza compromessi: ne sono una prova i tre album realizzati per la Alligator Records: "Guitar Slinger" (1984), salutato come il suo album migliore (e più blues), il successivo "Serious Business"(1985) e "Third Deegree"(1986).

Oggi Johnny Winter sta vivendo una rinascita esibendosi in concerti sold out in tutto il mondo. Dopo un'apparizione trionfale al fianco di Derek Trucks, Buddy Guy ed Eric Clapton al Crossroads Festival e l'esibizione con gli Allman Brothers al Beacon Theater di Manhattan per il 40esimo anniversario della band, è stato headliner per eventi prestigiosi come il New Orleans Jazz & Heritage Festival, il Chicago Blues Festival e lo Sweden Rock Festival.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Sunset Drive In, il cinema estivo all'aperto a Cinecittà

    • dal 3 luglio al 3 ottobre 2020
    • Cinecittà Studios
  • Apre Il Regno di Babbo Natale: un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • Vinòforum - Lo Spazio del Gusto: l'edizione 2020

    • fino a domani
    • dal 11 al 20 settembre 2020
    • Parco Tor di Quinto
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RomaToday è in caricamento