Falafel e humus: la cena multietnica e solidale è siriana

Prosegue per tutto il mese di Luglio l’attività degli chef di Gustamundo, progetto di cucina multietnica nato per far tornare in cucina cuochi e professionisti del mondo della ristorazione e della gastronomia che hanno dovuto abbandonare il loro Paese perdendo la propria attività. Con Gustamundo, gli chef migranti portano la loro esperienza per far conoscere i sapori e la cultura della loro terra e per recuperare un pezzetto della loro quotidianità. Chef di diverse nazionalità si alternano per dare vita al porto gastronomico di Gustamundo, in un'occasione unica di aggregazione e conoscenza.

Cena siriana da Gustamundo: il menù

Venerdì 7 Luglio l’appuntamento è con i sapori della tradizione siriana. La cena, organizzata in collaborazione con la Comunità di Sant’Egidio, sarà realizzata dallo chef siriano Mustafa Nasser e suo figlio Mohamed, proprietari a Tartous di due ristoranti che hanno dovuto abbandonare a causa della guerra.

Mustafa è stato accolto in Italia nell’ambito del progetto “Apertura Corridoi Umanitari” realizzato da Comunità di Sant’Egidio, Federazione Chiese Evangeliche e Tavola Valdese in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e il Ministero degli Interni, con l’obiettivo di permettere a chi è in condizioni di vulnerabilità di accedere al sistema di protezione internazionale.

Agli ospiti di Gustamundo verranno serviti falafel, polpette di legumi speziate e fritte; ful, un piatto a base di fave di antichissime origini (si ipotizza che fosse già preparato nell’antico Egitto); humus, una crema di ceci; faṭāʾir un tortino di verdure; e  per finire rise, un dolce a base di semolino.

I progetti di Gustamundo

Grazie ai proventi delle serate sono stati avviati alcuni progetti:

Finanziamento di 20 borse di studio per un corso di cucina italiana destinate a migranti della Comunità di Santa Lucia – Missione Latinoamericana di Roma.

Fornitura settimanale di 270 bottiglie di acqua grande ai 100 migranti che dimorano presso il presidio Baobab Experience di Roma

Sostegno economico a Mariem Al Ghezawi, rifugiata politica perseguita in Libia per la sua attività in difesa dei diritti civili delle donne

Sostegno economico a Ilyas Muhammad, profugo del Kashmir che a causa di un bombardamento ha perso la moglie e il ristorante di famiglia. I suoi 5 figli sono ancora in Kashmir

Gustamundo promuove inoltre il lavoro di alcune piccole realtà imprenditoriali nate da migranti. Hummus Town (www.hummustown.com) propone piatti della cucina siriana takeaway o con consegna a domicilio: dai classici falafel al mutabbal, purè a base di melanzane e cipolle, dal leban mix, una salsa a base di cetrioli e yogurt, al muhallabeeyeh, un budino all’aroma di rosa ricoperto da granella di pistacchi, famoso in tutto il Medio Oriente. Il cuoco cubano Miguel cucina a domicilio la sua irresistibile paella cubana (per info: 339.2768290), mentre le sarte di Latinos en Ombra realizzano lavori di sartoria o lezioni di taglio e cucito (Margot: 320.3663062 e Silvia: 351.0459456).   

Gustamundo è un progetto realizzato in collaborazione con diverse onlus, tra cui: Comunità di Sant'Egidio, Be Free, Laboratorio 53, Comunità di Santa Lucia–Missione Latinoamericana di Roma, Associazione Italia-Cuba, Sprar (Sistema di protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) della Bassa Sabina, Baobab Experience.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cibo e Vino, potrebbe interessarti

  • Giorno del ringraziamento, speciale menu da Hard Rock Cafe

    • fino a domani
    • dal 26 al 29 novembre 2020
    • Hard Rock Cafe Roma

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Back to nature, installazioni d'artista a Villa Borghese

    • Gratis
    • dal 15 settembre al 13 dicembre 2020
    • Villa Borghese
  • Il Regno di Babbo Natale, un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • Il tempo di Caravaggio. Capolavori della collezione di Roberto Longhi, prorogata la mostra

    • dal 16 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Musei Capitolini, Palazzo Caffarelli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RomaToday è in caricamento