I barbarians di Hofesh Shechter al Teatro Argentina

I barbarians di Hofesh Shechter apriranno il 31esimo Romaeuropa Festival il 21 settembre al Teatro Argentina (repliche fino a sabato 24) con un trittico dal ritmo forsennato per il quale il coreografo anglo-israeliano firma danza e musiche, a Roma in prima italiana, in collaborazione con il Teatro di Roma.

Nei primi giorni del Festival, seguiranno Maritime Rites (Riti Marittimi) domenica 25 settembre alle ore 12 al Laghetto di Villa Borghese, ad accesso gratuito, il concerto galleggiante di Alvin Curran con la Banda della scuola popolare di Musica di Testaccio; OCD Love, intrigante crescendo di sensualità su musica elettronica della coreografa Sharon Eyal, il 27 e 28 ottobre al Teatro Argentina, Passione di Emio Greco con il Ballet National De Marseille il 30 settembre e 1 ottobre;Sabina Meyer con Ninfa in Lamento, spettacolo in bilico tra musica contemporanea e prassi barocca, a Villa Farnesina dal 29 settembre al 1 ottobre; Pentesilea. Allenamento per la battaglia finale, di Lina Prosa, il 29 settembre a Villa Medici (tutto il programma del Festival è online sul sito romaeuropa.net).

Coreografo tra i più acclamati della scena contemporanea, conteso dalle maggiori platee internazionali, Shechter torna a Romaeuropa con un’indagine in tre capitoli sul rapporto tra istinto e intimità, tra la passione e la banalità del sentimento amoroso, tra il pensiero e il corpo trasportato dal suono.

La precisione millimetrica della danza, le luci affilate che sembrano tagliare la scena, cifra a cui questo coreografo ha abituato il suo pubblico, tornano nella prima piecè The barbarians in love in cui sei interpreti, figure vestite di bianco, si muovono come un corpo solo sulla partitura barocca di François Couperin, Les Concerts Royaux, in dialogo con le musiche elettroniche dalle derive rock scritte e composte dallo stesso coreografo.

Ma in questo lavoro Shechter spariglia le carte e fonde la dimensione urbana, che contraddistingue molti dei suoi lavori, con una nota intima e autobiografica dal retrogusto fantascientifico, confermando di saper accostare l’aspetto ludico e provocatorio alla dolcezza e al mistero. È l’esplosione del groove dubstep in tHE bAD, che cambia repentinamente il ritmo della coreografia e mette in gioco cinque danzatori sulla partitura musicale composta dal coreografo con incursioni barocche e brani rap (Mystikal, Pussy Crook).

Sullo stesso confronto musicale, questa volta aperto al compositore sudafricano Abdullar Ibrahim, chiude la trilogia il duo Two completely different angles of the same fucking thing: il rapporto amoroso tra un uomo e una donna fuori da qualsiasi clichè, che porta ancora una volta Shechter su binari inesplorati nel segno della piena libertà artistica.

Nato a Gerusalemme 40 anni fa, Shechter ha iniziato la sua attività come danzatore nella Batsheva Dance Company, lavorando poi con numerosi coreografi tra cui Ohad Naharin, Wim Vandekeybus, Paul Selwyn-Norton, Tero Saarinen, e Inbal Pinto. Ha studiato musica fin da bambino e, oltre la danza, ama la batteria e il rock. Nel 2002 si è traferito dal suo paese prima a Parigi e poi a Londra dove nel 2008 ha fondato la sua compagnia. I suoi primi lavori -tra cui Uprising, In your rooms, Political mother, Sun, tutti presentati nelle precedenti edizioni del Romaeuropa Festival-, mostravano con chiarezza le caratteristiche che gli hanno fatto guadagnare il successo internazionale: una spiccata sensibilità per la creazione di danze collettive, dove le singole parti acquistano peso ed energia nel movimento di gruppo; un uso delle movenze della “danza popolare”, ma reinventate di sana pianta; un potente utilizzo delle luci - con le quali Shechter riesce a creare sipari tra diverse scene che sfumano una nell’altra o addirittura in alternanza simultanea – e, infine, un raffinato incrocio tra il concerto e lo spettacolo teatrale che sottolinea costantemente il suo amore per la musica, impetuoso nell’elettronica e nelle sonorità rock da lui stesso composte per le coreografie.

A testimonianza della sua ecletticità, Shechter ha firmato nel 2015, insieme a John Fulljames, la regia e la coreografia dell’Orphèe et Eurydice di Gluck per la Royal Opera House e, a Broadway, le coreografie per il riallestimento del celebre musical Fiddler On The Roof (Il Violinista sul Tetto).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Ma tu sei felice? Lettura-spettacolo con Claudio Bisio e Gigio Alberti

    • solo domani
    • 17 settembre 2020
    • Teatro Romano di Ostia Antica
  • Al Teatro del Lido QuinteScienza: Identità – vite per la scienza

    • Gratis
    • dal 7 agosto al 19 settembre 2020
    • Teatro del Lido
  • "Dal vivo sono molto meglio", Paola Minaccioni a Ostia Antica Festival

    • 26 settembre 2020
    • Teatro Romano di Ostia Antica

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Sunset Drive In, il cinema estivo all'aperto a Cinecittà

    • dal 3 luglio al 3 ottobre 2020
    • Cinecittà Studios
  • Vinòforum - Lo Spazio del Gusto: l'edizione 2020

    • dal 11 al 20 settembre 2020
    • Parco Tor di Quinto
  • Arena Cinema Tiziano, la programmazione nell'estate romana

    • dal 20 giugno al 20 settembre 2020
    • Arena Cinema Tiziano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RomaToday è in caricamento