Angeli e uomini della luna quadrata Frank Breidenbruch

…….Frank Breidenbruch ha trapiantato le sue radici dalla Germania di Wuppertal fin dal tempo dell'Accademia, portando con sé un bagaglio di mitologie e simboli nordici che a Carrara hanno trovato il terreno a cui ancorarsi.

….. In fondo, è anche una sorta di autodefinizione della sua arte: l'idea di un'arte basata sulla manualità, un prodotto che richiede cura e maestria, che deve lievitare lentamente, non solo stupire con brillanti concetti e idee illuminanti. E qui si apre tutto un ampio ambito del lavoro di Breidenbruch, quello di scultore, non rappresentato in questa monografia, che comunque è una delle ragioni che lo ha legato a Carrara, dove, nel corso degli anni, ha realizzato decine di sculture, molte delle quali frutto della collaborazione con A. R. Penck, a partire dal grande gruppo in pietra della collezione Gori a Villa Celle. …….

…… Anche in Breidenbruch si assiste talvolta a un processo di sintesi progressiva, di riduzione dell'immagine a simbolo. La figure si semplificano, si stilizzano, si arcuano, da immagini reali diventano elementi di una scrittura che si ripete, ritorna, quasi un leit motiv, un codice di significati. Così, in fondo, è nata la comunicazione umana. Così anche Breidenbruch - certo non in modo razionale, programmato - manifesta il suo profondo anelito alla comunicazione…………

……. Ma fra tutte una si ritrova con continua insistenza. È un volto di donna, una Marilyn stilizzata, come passata sotto il rullo serigrafico. Ma è altra immagine, non quella solita, che ben conosciamo, di Andy Warhol. È una Marilyn allo stesso tempo allegra e lasciva. Così semplificata, in fondo, non è più nemmeno una donna specifica. È l'idea della femminilità, quell'eterno femminino che, come nella chiusura del Faust di Goethe, ci trascina sempre con sé…………..

Che in queste opere ci sia tanto amore, è un fatto che trapela con evidenza. C'è un amore per l'umanità, un forte desiderio di comunicazione, di raccontare agli altri le proprie scoperte, i propri sogni. Per Frank Breidenbruch l'artista è ancora il saggio, il poeta del villaggio, l'uomo che rivela alla sua comunità le visioni, talvolta le premonizioni. E questa non è l'ultima delle ragioni che lo lega a Carrara, una città che ancora mantiene una dimensione umana…….

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Sunset Drive In, il cinema estivo all'aperto a Cinecittà

    • dal 3 luglio al 3 ottobre 2020
    • Cinecittà Studios
  • Apre Il Regno di Babbo Natale: un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • Festa del maritozzo, 30 proposte dolci e salate da Eataly

    • dal 2 al 4 ottobre 2020
    • Eataly Roma
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RomaToday è in caricamento