"1989.Rivoluzione di velluto", la mostra al Museo di Roma in Trastevere

Due paesi, la Repubblica Ceca e la Repubblica Slovacca, vogliono insieme ricordare uno dei momenti salienti della storia recente cecoslovacca: la fine della quarantennale dittatura comunista. Sessanta scatti iconici, realizzati da quindici tra i migliori fotografi cechi, raccontano fatti ed emozioni di quel periodo nella mostra fotografica “1989: RIVOLUZIONE DI VELLUTO. 30 anni della libertà cecoslovacca”, accompagnata dall’esposizione slovacca documentaria “La strada verso l‘anno della Libertà”, al Museo di Roma in Trastevere dal 19 ottobre al 24 novembre 2019.

L’iniziativa, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, è prodotta e organizzata dall’Ambasciata della Repubblica Ceca, dal Centro Ceco Roma, dall’Ambasciata della Repubblica Slovacca e dall’Istituto Slovacco a Roma. Servizi museali Zètema Progetto Cultura.

L’inaugurazione, che si svolge venerdì 18 ottobre alle 18.30, sarà preceduta da un dibattito con i protagonisti diretti ceco-slovacchi degli eventi del 1989, a partire dalle 17.00. L’incontro con gli ex-rappresentanti del movimento studentesco Pavel Žáček (CZ) e Zuzana Mistriková (SK) sarà condotto da prof. Massimo Tria (Università di Cagliari) e avrà luogo presso la sala multimediale del museo.

La mostra

La mostra “1989: RIVOLUZIONE DI VELLUTO. 30 anni della libertà cecoslovacca”, a cura di Dana Kyndrová, è incentrata su sessanta fotografie realizzate durante le prime manifestazioni anti-regime in Cecoslovacchia nel 1988, la Settimana di Jan Palach nel gennaio del 1989, il corteo del 17 novembre 1989, con le emozioni e l’entusiasmo che ne conseguirono. Molte di queste immagini sono diventate leggendarie: grazie al loro valore documentario e artistico riescono tutt’oggi a restituire le emozioni e l’atmosfera elettrizzante che pervase la società cecoslovacca di allora. 

Una parte delle fotografie illustra anche il ritiro delle truppe d’occupazione sovietiche, tra il 1990 e il 1991, con il quale si concluse il periodo della Rivoluzione di Velluto. 

I fotografi rappresentati nella mostra sono Radek Bajgar, Radovan Boček, Karel Cudlín, Přemysl Hněvkovský, Lubomír Kotek, Jaroslav Kučera, Michal Krumphanzl, Dana Kyndrová, Petr Matička, Roman Sejkot, Jan Šibík, Jan Šilpoch, Pavel Štecha, Jiří Všetečka, e Miroslav Zajíc.

La curatrice della mostra, Dana Kyndrová (1955) è una fotografa documentarista, specializzata nella fotografia umanistica. Ha studiato francese e russo presso la Facoltà di Lettere all’Università Carolina di Praga (1979). Per dieci anni ha lavorato al il Dipartimento di Lingue alla Facoltà di Ingegneria Meccanica dell’Università Tecnica Ceca e dopo il novembre del 1989, al Dipartimento di Lingue dell’Accademia di Arti performative di Praga. Dal 1992 è fotografa freelance. Vive a Praga.

Una sezione della mostra è dedicata alla parte slovacca documentaria “La strada verso l‘anno della Libertà” che parte da alcuni momenti cruciali della storia della Cecoslovacchia dopo la fine della seconda guerra mondiale per poi illustrare il percorso del paese verso la Rivoluzione di Velluto del 1989. Vengono dunque raccontati i principali eventi che segnarono la fine del regime comunista cecoslovacco, costruendo le basi per la nuova fase democratica della storia moderna della Slovacchia e della Cechia.

Fa parte del progetto slovacco anche la proiezione cinematografica “Novembre 89 con gli occhi dei documentaristi slovacchi” con tre film documentari: “Flight report 89-90 (regia I. Ruppeldt)”, “Probe 1/1990 – Velvet Revolution Train” (regia R. Ferko, V. Mináč, A. Horák), “All together… (in a Slovak way)” (regia E. Štefankovičová). Queste proiezioni offrono allo spettatore uno sguardo sulle fasi più importanti di questo evento storico che cambiò il futuro della Slovacchia in modo determinante, portando un vento democratico di cambiamento nella regione centroeuropea.

In occasione dell’attuale presidenza della Repubblica Ceca nel Gruppo di Visegrad. E' prevista anche una rassegna cinematografica sul tema del crollo della cortina di ferro 30 anni fa. Le proiezioni si svolgono dal 29 ottobre al 19 novembre, ogni martedì sera, presso il Museo di Roma in Trastevere. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, mostra nella sua villa a 100 anni dalla nascita

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, mostra nella sua villa a 100 anni dalla nascita

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • "Balloon Museum", il primo museo del palloncino in un'ex deposito Atac a Roma

    • dal 11 febbraio al 14 marzo 2021
    • ex Deposito Atac, Pratibus District
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RomaToday è in caricamento