Zuckerberg a Roma dona 500.000 euro alla Croce Rossa per il terremoto

"Sentir dire 'ricostruiremo, ci vorrà tempo, ma ce la faremo' è motivo di ispirazione", ha spiegato Mr Facebook

Intensa giornata romana per Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook. Dopo la corsa tra Colosseo e Circo Massimo e l'udienza da Papa Francesco con la moglie, Mr Facebook ha incontrato il premier Matteo Renzi. L'incontro è avvenuto nel primo pomeriggio e su facebook Zuckerberg ha scritto. 

"Questo pomeriggio Priscilla e io abbiamo incontrato il primo ministro italiano Matteo Renzi. Abbiamo parlato del terremoto della scorsa settimana e di come la community Facebook in Italia e in tutto il mondo si sia unita per aiutare le persone a ricominciare. Abbiamo anche parlato di come la tecnologia sta aiutando a creare posti di lavoro e far crescere l'economia italiana. Ho riferito al primo ministro di essere particolarmente entusiasta del lavoro che si fa in tutta Europa sull'intelligenza artificiale. Come parte del progetto di ricerca Facebook sull'Intelligenza artificiale, stiamo donando 26 potenti server Gpu a gruppi di ricerca in diversi Paesi europei - incluso uno all''university of Modena and Reggio Emilia qui in Italia. Hanno un grande programma di intelligenza artificiale e computer vision, e questa nuova tecnologia si spera possa aiutare gli studenti e i professori fare ancora di più. Ecco una nostra foto mentre reggiamo un vero server dal data center Facebook- ha concluso Zuckerberg- che vuole rappresentare uno dei server per l'intelligenza artificiale che stiamo donando per aiutare la ricerca in tutta Europa".

Quindi l suo intervento alla Luiss di Roma, ultima tappa dell'intensa giornata capitolina. Zuckerberg,per un'ora ha risposto alle domande della platea di studenti. "Siamo vicini alle persone che hanno perso i propri cari e la casa. Momenti come questi sono devastanti, ma vedere come si sono unite le comunità in Italia e nel mondo, per aiutare le persone colpite, è motivo di ispirazione. Sentir dire 'ricostruiremo, ci vorrà tempo, ma ce la faremo' è motivo di ispirazione", ha proseguito. Quando ho saputo del terremoto ho provato un enorme dolore. Ci siamo chiesti cosa potesse fare Facebook e la cosa più importante era l'attivazione del safety check. Ma volevamo fare di più e abbiamo iniziato a lavorare con la Croce Rossa: abbiamo donato 500.000 euro e messo a disposizione la piattaforma di Facebook per qualsiasi necessità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul suo rapporto con Roma. "Amo Roma. Ho studiato latino e storia di Roma, pensavo che mi sarei laureato in discipline classiche... In realtà, ho sempre avuto problemi con le lingue: alle superiori ho provato con lo spagnolo e il francese ma la mia pronuncia era pessima. Allora ho studiato il latino: non bisogna parlarlo... -ha scherzato-. Amo Roma così tanto che, quando mi sono sposato, con mia moglie siamo venuti in luna di miele".  Tra le domande della platea, non è mancata quella sulla celeberrima app Pokemon Go. "La vera ragione per cui sono venuto a Roma è trovare qualche Pokemon raro... Sono andato a correre vicino al Colosseo, la gente pensa che io tenga alla mia salute... In realtà stavo cercando un Pokemon raro...", ha concluso Zuckerberg. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento