Martedì, 15 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Sacchetti bio, le voci dei romani: "Il costo sia a carico del supermercato"

Dai social alla vita di tutti i giorni. Il pagamento dei sacchetti biodegradabili per frutta e verdura all'interno dei supermercati, non sembra volersi arrestare. Che ne pensano i romani? Siamo andati fuori da due grandi punti vendita della città per provare a raccogliere la loro opinione. Molti sembrano non sapere nemmeno di cosa si tratta.

Dal primo gennaio, recependo una nomativa europea, in Italia è diventato obbligatorio l'utilizzo dei sacchietti bio degradabili, quelli sotto i 15 micron, nelle grosse catene di distribuzione per l'acquisto di alimenti (frutta, verdura, carne e pesce) o in farmacia. Una spesa che è tutta sulle "spalle" del consumatore e, a giudicare dai commenti che Roma Today ha raccolto stamattina, giovedì 4 gennaio, la rabbia sembra tutt'altro che placata. "Un furto - tuona una signoa incontrata fuori da un supermarket di Casal Bertone - ogni volta devono pagare i cittadini". Chi poi sostiene la prassi dell'etichetta singola per ogni alimento, che invece boicotta i negozi: "Tutti dal fruttarolo". Per alcuni degli intervistati la questione ambientale è importante, "ma il costo della busta dovrebbe essere a caico dei supermercati".

Si parla di

Video popolari

VIDEO | Sacchetti bio, le voci dei romani: "Il costo sia a carico del supermercato"

RomaToday è in caricamento