Economia

Traslochi a Roma: come riconoscere una ditta affidabile

In una città grande come Roma ci sono moltissime opzioni per risparmiare sul trasloco, ma spesso si tratta di servizi forniti da abusivi. Come riconoscere una ditta seria che abbia le adeguate autorizzazioni?

In molti angoli di Roma è possibile trovare adesivi o volantini che pubblicizzano aiuto per sgomberi e traslochi. Spesso cittadini e associazioni segnalano queste irregolarità e le affissioni vengono rimosse, in particolare da parte di Retake, associazione impegnata contro il degrado della città.

Le ditte abusive però rimangono, perché improvvisarsi traslocatori è abbastanza facile: basta avere un camion e uno o due addetti, per fornire un servizio rapido ed economico, ma illegale. Oltre ad essere contro la legge, si verificano anche danni per i clienti dovuti alla poca professionalità. Spesso i mobili arrivano scheggiati o rovinati, perché non sono disposti in maniera corretta durante il trasporto. Il danno difficilmente viene rimborsato, a meno che non sia stata stipulata una assicurazione.

Che cosa stabilisce la legge?

I traslocatori devono essere iscritti all’albo nazionale ed eventualmente essere in possesso della certificazione Iso 9000 sulla qualità delle prestazioni e 800, in merito all’eticità del lavoro.

Le norme sono molto chiare e prevedono una sanzione economica e la confisca delle merci trasportate (articolo 7, paragrafo 2, decreto legislativo 286 del 21 novembre 2015 e articolo 20 della legge 24 novembre 1981, n. 689, e successive modificazioni).

Per essere in regola i traslocatori devono presentare una copia del contratto al committente con gli estremi dell’attestazione di iscrizione all’Albo e l’autorizzazione al trasporto di cose per conto terzi, rilasciate dai competenti comitati provinciali.

L’azienda deve anche essere dotata di Partita IVA, in modo che il pagamento avvenga in maniera regolare.

Controllate anche che la ditta si occupi dello smaltimento dei mobili nel pieno rispetto delle norme ambientali e con le rispettive autorizzazioni. Se hai bisogno anche di questo servizio, l’azienda deve essere iscritta anche all’Albo dei Gestori Ambientali.  

Anche AMA offre un servizio di raccolta rifiuti ingombranti a domicilio, gratuito fino a 2  m³, 12 volte l’anno. Ci sono anche Centri di Raccolta dove è possibile smaltirli e raccolte domenicali di materiali di questo tipo nei vari quartieri. La prossima sarà il 4 marzo.

Come orientarsi?

Effettuare traslochi a Roma in maniera legale e conveniente non è impossibile. Una soluzione può essere affidarsi a portali online che lavorano con ditte selezionate, con Partita IVA e iscrizione all’Albo. Vi verranno inviati più preventivi tra cui potrete scegliere quello più conveniente e adatto alle vostre esigenze.

Controllate il sito web della ditta, in modo da poter verificare il tipo di servizio che offre e soprattutto prestate attenzione al preventivo. Deve essere dettagliato e indicare le tempistiche e tutto quello che è compreso nel prezzo.

Un ultimo consiglio: chiedete un’assicurazione all risk, perché quella vettoriale standard comprende solamente il momento del trasporto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traslochi a Roma: come riconoscere una ditta affidabile

RomaToday è in caricamento