Economia

Test d'ingresso all'Università: a Roma è già conto alla rovescia

Medicina la più gettonata, con un numero di candidati sempre in aumento. Sul numero di posti e le modalità di selezione, la polemica va avanti da anni

Hanno avuto appena il tempo di realizzare di aver superato l'esame di maturità, hanno avuto appena il tempo prendere una decisione chiara sul proprio futuro e via, si riparte con lo studio: settembre, per gli aspiranti medici ingegneri architetti e via dicendo è già tempo di esami.

Tempo di test d'ingresso per le facoltà scientifiche, che devono scremare, discernere dalla massa di aspiranti, le menti più brillanti, le personalità pronte ad essere formate per la professione: l'anno scorso in Italia 90000 persone si sono candidate ai test per appena 8755 posti nelle facoltà di Medicina.

Settembre ma anche prima, la Cattolica di Roma per esempio, ha fissato il test per martedì 30 agosto, e si sono iscritti in 7333. Sarà un test psicoattitudinale, materie scientifiche e inglese, e per i 600 che lo supereranno ci sarà una prova orale che assegnerà i 282 posti disponibili.

I test di medicina alla Sapienza partiranno invece il 5 settembre: più o meno, se saranno confermati i dati, 7000 persone per 908 posti.
A Tor Vergata, per i 232 posti disponibili la prova si svolgerà il 5 settembre. Sul numero di posti, esiguo rispetto alla massa di aspiranti, la polemica va avanti da anni. Si è parlato di abolirli, di riformularli, di affiancare ai test un colloquio, di considerare i voti delle superiori degli aspiranti.

C'è chi, tra gli studenti, ha tagliato la testa al toro e, per amore della medicina, o della professione, ha deciso di emigrare in Albania o in Romania dove i test (forse) saranno meno proibitivi.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Test d'ingresso all'Università: a Roma è già conto alla rovescia

RomaToday è in caricamento