rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Economia

Saldi a Roma e nel Lazio per tutta l'estate: martedì si decide in Regione

La data ufficiale sarebbe il 1 agosto. In regione però c'è accordo unanime per anticipare di un mese i saldi

E' una ripartenza difficile quella dei negozi di abbigliamento, alle prese con le regole della fase 2 e con tutte le difficoltà economiche che due mesi e mezzo di lockdown hanno generato giacenze in magazzino di merce della stagione primavera estate. Bassa è l'affluenza e per questo nel Lazio si sta lavorando per anticipare i saldi, la cui data d'inizio è fissata per il 1 agosto. 

A lanciare la proposta di anticipare i saldi a Roma e nel Lazio è stato il vicepresidente Daniele Leodori. Gli uffici e le commissioni si sono immediatamente messe al lavoro. E c'e' accordo totale nella commissione Commercio della Regione Lazio, presieduta da Marietta Tidei, sulla proposta di legge. La proposta si concretizza nell'inserimento di un articolo aggiuntivo al Testo Unico del Commercio e introduce due novità per aiutare questo settore travolto dall'emergenza Coronavirus: la possibilità di effettuare le vendite promozionali anche nei 30 giorni che precedono l'inizio dei saldi. In caso di proroga dello stato nazionale di emergenza, in scadenza il 31 luglio, la ripetizione di questa misura anche a dicembre (prima dei saldi natalizi) attraverso una delibera della Giunta regionale e quindi senza la necessita' di rimettere mano alla legge. Martedì mattina la commissione Commercio dovrebbe votare all'unanimità questo testo e inviarlo subito all'aula che lo voterebbe nella seduta di mercoledì.

 Marta Leonori, consigliera regionale del Lazio del Pd: "La proposta, che si aggiunge alla decisione della Conferenza delle Regioni di spostare ad inizio agosto l'inizio dei saldi, permetterà di non avere alcuno stop per promozioni e comunicazioni di invito alla clientela. Naturalmente, a fianco alle norme per la tutela della salute, sarà importante garantire anche una comunicazione trasparente e semplice per i consumatori - prosegue Leonori- La riflessione sui saldi, sul ruolo che hanno per i negozi e su come si rapportano con la concorrenza delle vendite online, che troppo spesso crea concorrenza sleale, dovra' essere oggetto di una riflessione per il medio e lungo termine. Intanto, la Regione anche questa volta opera al fianco delle imprese, per aumentarne le opportunita'. Dobbiamo fare in modo che l'economia riparta, rispondendo con tutti gli strumenti, dall'allargamento del periodo di promozioni alle maggiori occupazioni di suolo pubblico, fino a campagne dedicate ad un consumo responsabile e consapevole. Ed è importante che su questo anche i Comuni si rendano parte attiva, per campagne di informazione e promozione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi a Roma e nel Lazio per tutta l'estate: martedì si decide in Regione

RomaToday è in caricamento