Sanità, 3 settembre lavoratori Cup in presidio: "Pronti allo sciopero"

La mobilitazione è stata indetta dalle segreterie regionali di Fp-Cgil, Filcams-Cgil, Cisl-Fp, Fisascat-Cisl, Uil-Fpl e Uil Trasporti

Presidio di protesta per i circa 2 mila lavoratori esternalizzati del Cup, il Centro unico per le prenotazioni sanitarie, e dei servizi amministrativi, alla prese con una serie di cambi d'appalto. La mobilitazione è stata indetta Fp-Cgil Roma e Lazio, Filcams-Cgil Roma e Lazio, Cisl-Fp Lazio, Fisascat-Cisl Lazio, Uil-Fpl Roma e Lazio e Uil Trasporti Roma e Lazio. Si terrà il prossimo 3 settembre con un presidio fuori dalla Regione Lazio a Garbatella, in piazza Oderico da Pordenone, "contro l'indifferenza dell'amministrazione regionale, per tutelare le famiglie e la qualita' dei servizi ai cittadini". 

"Dalla Regione Lazio nessun rispetto per le persone e per gli accordi" si legge in una nota. "Il 3 settembre i lavoratori delle cooperative sociali e delle società che gestiscono il servizio scenderanno in piazza con un presidio di protesta sotto la sede dell'amministrazione regionale. Pretendiamo il rispetto dei patti: i livelli occupazionali e retributivi non si toccano" denunciano i segretari generali regionali dei sindacati, Natale Di Cola (Fp-Cgil Roma e Lazio), Roberto Chierchia (Cisl-Fp Lazio), Sandro Bernardini (Uil-Fpl Roma e Lazio), Alessandra Pelliccia (Filcams-Cgil Roma e Lazio), Carlo Costantini (Fisascat-Cisl Lazio) e Simona Rossitto (Uil-Trasporti Roma e Lazio).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Al contrario di quanto sottoscritto nelle intese con la Regione, gli aggiudicatari dei bandi di gara non riescono a garantire salari e posti di lavoro" continua la nota. Una prospettiva inaccettabile per le federazioni di categoria di Cgil, Cisl e Uil, che chiamano i lavoratori alla mobilitazione: "Chiediamo la salvaguardia dei posti di lavoro e dei salari. Vanno rispettati gli accordi sottoscritti. E' dal 2015 che aspettiamo i progetti innovativi attraverso cui finanziare le risorse necessarie a pagare gli stipendi senza che nessuno rischi di essere licenziato. In assenza di risposte siamo pronti" concludono "siamo pronti allo sciopero". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento