Lunedì, 14 Giugno 2021
Economia Bufalotta / Via Alberto Lionello, 201

Il centro commerciale rimane senza acqua: domenica mattina di caos per bar e ristoranti

L'interruzione idrica ha coinvolto Porta di Roma: fino alle 15 caffè con la minerale e stoviglie usa e getta

Interventi di manutenzione straordinaria sulla rete idrica e gran parte del Municipio III a passare la domenica, quella di ieri 11 marzo, senza acqua. 

Il Municipio III senza acqua per 24 ore

L'interruzione del servizio, prevista dalle 00.30 fino alle 24 dello stesso giorno, ha interessato le zone più periferiche del Montesacro come Bufalotta, Casal Boccone, Cesarina, Cinquina, Tor San Giovanni e Marcigliana. Un'area vasta e molto popolata nella quale insiste anche la Galleria Commerciale Porta di Roma: è proprio qui che lavoratori e sindacato hanno denunciato i maggiori disagi. 

III Municipio senz'acqua: domenica residenti restano a secco, ecco le zone

Porta di Roma a secco: bar e ristoranti nel caos

Se infatti i residenti hanno potuto beneficiare delle autobotti fornite da Acea Ato2, nel centro commerciale, con un'ala rimasta completamente a secco, tante sono state le problematiche segnalate da dipendenti e clienti. Le maggiori criticità nelle attività di ristorazione con bar, ristoranti e fast food nel caos più totale: caffè con l'acqua in bottiglia per gran parte della mattina e stoviglie usa e getta.

La denuncia del Sindacato

"Ormai da ore e certamente fino alle 24 di oggi la completa interruzione dell'erogazione di acqua sta comportando moltissimi disagi in tutte le attività di ristorazione interne alla galleria commerciale di Porta di Roma. Il personale non è nelle condizioni di poter garantire la ordinaria pulizia dei locali e delle stoviglie e nelle ore vengono meno anche le minime garanzie per operare in luoghi puliti ed igienizzati come previsti dalla legge e dalle certificazioni ricevute" - ha denunciato ieri la Segreteria UGL Terziario Roma e Lazio. 

"Il senso di responsabilità dei lavoratori che stanno operando in queste ore non può sostituire ciò che va garantito alla clientela in termini di norme igieniche da rispettare" - incalzavano dal Sindacato. 

Il ritorno alla normalità

La richiesta era quella di adottare "urgenti soluzioni" per arginare i disagi di dipendenti e clientela: risposte certe, non tanto dall'amministrazione della Galleria Commerciale, quanto dalle grandi catene coinvolte nei disagi "alle quali - sottolineavano da UGL - abbiamo girato la nostra denuncia e le segnalazioni dei lavoratori".

Un ripristino della normalità avvenuto prima del previsto: l'erogazione dell'acqua in quel di Porta di Roma è tornata intorno alle 15 e non alle 24 come annunciato. In quelle cinque ore di disservizio le attività di ristorazione e il Centro Commerciale hanno sopperito con risorse proprie e grandi sforzi.

"Sicuramente il centro commerciale ha subito molti disagi, principalmente dati dal fatto che non eravamo stati avvisati. Nei giorni precedenti - spiegano fonti qualificate di Porta di Roma - non era arrivata nessuna comunicazione ufficiale da parte di Acea. Per quanto riguarda la funzionalità dei bagni abbiamo sopperito attraverso le nostre riserve. Le attività di ristorazione hanno dovuto invece razionalizzare l'uso dell'acqua. Hanno servito i clienti con piatti e bicchieri di carta, per fare il caffè hanno usato invece l'acqua minerale". 
 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il centro commerciale rimane senza acqua: domenica mattina di caos per bar e ristoranti

RomaToday è in caricamento