Venerdì, 18 Giugno 2021
Economia

Al Parlamento 350 licenziamenti negli appalti dei servizi, l'Usb insorge

Avviata la procedura che riduce fortemente gli organici dei lavoratori impegnati nei servizi di mensa, pulizia, bar alla Camera e al Senato. L'Usb: "Gli unici tagli alla casta sono pagati dai lavoratori"

La Milano 90 srl, azienda romana che fornisce immobili e servizi alla Camera dei Deputati ed al Senato della Repubblica, ha avviato la procedura di riduzione di personale per 350 lavoratori su 530 impegnati negli appalti. Questi lavoratori svolgono servizi di mensa, bar, pulizia, accoglienza, lavanderia ed altre mansioni. Oltre che nel Parlamento, i licenziamenti riguarderebbero i lavoratori impegnati anche al Consiglio di Stato, alla Regione Lazio e all'Autorità garante per le Telecomunicazioni.

Licenziamenti che, spiega l'azienda, andrebbero a regime "anche nella previsione che riforme costituzionali di questa legislatura, prima del 2013, confermassero il dimezzamento della struttura rappresentativa della Camera dei Deputati".

L’Unione Sindacale di Base, si legge in un comunicato, "considerando inammissibile che i tagli alla cosiddetta casta vengano fatti pagare direttamente ai lavoratori, richiederà incontro urgente ai Deputati Questori per respingere i licenziamenti avviati. Si invitano inoltre tutti i lavoratori della Milano 90 alle assemblee che si svolgeranno sin dai prossimi giorni, ad iniziare con il 19 ottobre presso la Camera Dei Deputati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Parlamento 350 licenziamenti negli appalti dei servizi, l'Usb insorge

RomaToday è in caricamento