rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Economia

Operatori Ama: "Selezionati e mai assunti, aspettiamo da due anni"

Sono 250 i lavoratori dell'agenzia Manpower che da due anni aspettano un lavoro nel settore della differenziata. Dovevano essere assunti ad agosto del 2011. Poi la sospensione del procedimento senza alcuna spiegazione

A un passo da indossare la divisa. Selezionati, formati, addirittura vaccinati. Tutti pronti per firmare il contratto a tempo determinato con Ama spa. Poi la doccia fredda: l'assunzione è sospesa. Era agosto del 2011 quando 250 giovani dell'agenzia del lavoro Manpower dovevano entrare nella municipalizzata come operatori ecologici, addetti alla differenziata. Il sogno di un'occupazione è durato davvero poco. 

Neanche un mese più tardi, settembre 2011, la mail della Manpower: "La informiamo che l'iter di selezione è da ritenersi attualmente sospeso". Poi il nulla, salvo una corsia preferenziale che per adesso è servita a poco: "La Sua candidatura sarà comunque tenuta in evidenza in caso di riattivazione del processo di inserimento". 

Nessuna riattivazione, almeno che si sappia. E nessuna informazione, nei due anni trascorsi, sulle cause dello stop. I 250 operatori sono ancora in attesa. "Siamo stati sottoposti a visita c/o l'IPA - dichiarano - siamo stati formati per prendere la qualifica di operatore ecologico, facendo un corso pagato da AMA spa, siamo stati costretti a fare le vaccinazioni dell'antitetanica a spese nostre, ottenendo alla fine la qualifica di operatore ecologico, e l'idoneita' alla mansione". 

Idonei sì, ma senza un lavoro. Anzi, molti di loro per partecipare al bando si sono licenziati dalla precedente occupazione, perché "per fare il corso occorreva essere disoccupati". E pensare che l'obiettivo differenziata è ancora lontano da quel 65% imposto dalla legge. E che forse qualche operatore in più farebbe comodo. Sempre che la priorità ai lavoratori della Manpower sia stata davvero assicurata. 

"Da agosto 2011 ad oggi l’azienda AMA ha effettuato assunzioni di operatori ecologici a tempo determinato o indeterminato non comprese nella selezione descritta nelle premesse"? E' quanto chiesto con apposita interrogazione dagli ex consiglieri Paolo Masini e Athos De Luca all'allora primo cittadino Gianni Alemanno. Non è arrivata nessuna risposta. Tanti i solleciti degli operatori alle istituzioni, con tanto di occupazione dell'aula Giulio Cesare. Niente si è smosso. 

Con la giunta Marino sono riusciti a ottenere una serie di incontri presso l'assessorato all'Ambiente di Estella Marino. Un piccolo risultato che ci tengono a sottolineare: "E' l'unica che sta provando a darci una mano". Ma la soluzione non sembra esattamente dietro l'angolo.  Non resta che l'ennesimo appello al Campidoglio: "Il sindaco Marino ci aiuti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operatori Ama: "Selezionati e mai assunti, aspettiamo da due anni"

RomaToday è in caricamento