menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Diritto all'abitare: occupazione un palazzo abbandonato a Magliana Vecchia

A promuovere l'azione in via delle Catacombe di Generosa 3 l'Unione inquilini, l'Assemblea romana sfratti zero e il comitato di lotta Abitare la città

Ancora azioni per l'emergenza abitativa. "l'Unione inquilini, l'Assemblea romana sfratti zero e il comitato di lotta Abitare la citta hanno promosso un presidio in un palazzo di proprietà pubblica abbandonato da anni in via delle Catacombe di Generosa 3, nel quartiere Magliana Vecchia".

"Si tratta" sottolineano le associazioni, "di uno dei tantissimi immobili pubblici abbandonati al degrado e alla speculazione, a fronte di migliaia di famiglie romane che vivono strozzate dalla crisi e che attendono inutilmente da anni un efficace sostegno da parte delle Istituzioni (Regione e Comune di Roma in primis). Sfratti e precarietà abitativa sono destinati ad aumentare in modo drammatico nel prossimo futuro, in virtù: 1) della totale mancanza di una politica abitativa strutturale e programmatica che superi l’approccio emergenziale che tanti guasti ha provocato e provoca; 2) della svendita del patrimonio pubblico a vantaggio della speculazione di pochi privati: 3) di una nuova “cementificazione selvaggia” all’insegna di un finto e ipocrita social housing".


"In pratica", continuano in una nota, "tutto ciò che resta dei cosiddetti e finti “piani casa” succedutisi negli anni da parte del governo nazionale e di quelli locali. Non possiamo certo accontentarci della parziale mini-proroga degli sfratti concessa dal ministro Lupi per le sole finite locazioni (e soltanto per poche categorie protette), poiché il problema sfratti è fondamentalmente un problema di “morosità incolpevole” (nove sfratti su dieci avvengono a causa dell’impossibilità di pagare l’affitto per documentate difficoltà economiche dovute in particolare alla crisi e alla disoccupazione). Ciò che proponiamo è un massiccio intervento di “autorecupero” dal basso del patrimonio sfitto e abbandonato, oltre che l’immediata convocazione di un tavolo programmatico sociale con Comune e Regione sul tema degli sfratti e delle case popolari. Scopo del presidio permanente iniziato stamattina e proprio questo: rilanciare e generalizzare la vertenza per il diritto all’abitare nella città di Roma".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento