menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Occupazione di suolo pubblico, proroghe e agevolazioni fino a giugno e dicembre

Le misure contenute nel decreto Sostegni, l’assessore Coia: “Accolte le richieste di Roma Capitale”

Il governo Draghi proroga le agevolazioni OSP per gli esercenti: è l’articolo 30 del decreto Sostegni a modificare le normative previste del decreto Ristori 127 del 2020, che andavano appunto a coinvolgere una serie di categorie particolarmente protagoniste del tessuto commerciale di Roma Capitale, come ristoratori ed esercizi che allestiscono sedute all’aperto, tavoli e sedie su pubblica piazza o dehors.

Scriveva il Ristori, al comma 2 del 9-ter che “al fine di promuovere la ripresa delle attività turistiche, danneggiate dall'emergenza epidemiologica da COVID-19, le imprese di pubblico esercizio (…) titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l'utilizzazione del suolo pubblico  (…) sono esonerate, dal 1° gennaio 2021 al 31 marzo 2021, dal pagamento del canone di cui all'articolo 1, commi 816 e seguenti”; e ancora che “in considerazione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, i titolari di concessioni o di autorizzazioni concernenti l'utilizzazione temporanea del suolo pubblico per l'esercizio del commercio su aree pubbliche, di cui al decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, già esonerati dal 1° marzo 2020 al 15 ottobre 2020 sono esonerati, dal 1° gennaio 2021 al 31 marzo 2021, dal pagamento del canone”.

Ora il decreto Sostegni all’articolo 30 va a impattare su queste misure, dicendo che nelle norme appena citate “ai commi 2 e 3 le parole «31 marzo 2021» sono sostituite dalle seguenti: «30 giugno 2021»”: vengono dunque prorogate le misure di favore fino a giugno. Non solo: la possibilità di presentazione telematica semplificata per le domande di nuova concessione e i requisiti autorizzativi agevolati per “la posa in opera temporanea su vie, piazze, strade e altri spazi aperti di interesse culturale o paesaggistico (…) di strutture amovibili, quali dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni” sono entrambi prorogati fino “al 31 dicembre 2021”.

Una decisione che va nella giusta direzione secondo l’assessore al Commercio di Roma Capitale, Andrea Coia, che la rilancia sul suo profilo Facebook: “Come richiesto più volte da Roma Capitale, che lo aveva già deliberato un anno fa, sono stati prorogati i termini per le domande e per le deroghe al decoro fino a dicembre 2021. Sono inoltre esonerati dal pagamento delle occupazioni sia i titolari di somministrazioni per tavoli e sedie che le occupazioni temporanee fino a giugno 2021. Forza ragazzi tenete duro e prepariamoci per il rilancio”, scrive l’esponente della giunta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento