Sabato, 15 Maggio 2021
Economia

Vigili del Fuoco senza mensa, scatta lo stato di agitazione sindacale

I sindacati hanno proclamato lo stato d'agitazione dopo che il Dipartimento nazionale dei Vigili del Fuoco ha tolto il servizio mensa e instaurato l'utilizzo dei buoni pasto

"Una scelta che penalizza il personale operativo". Così i sindacati dei vigili del fuoco di Roma e Lazio hanno proclamato uno stato d'agitazione. Motivo? "La scelta del Dipartimento del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, facente capo al Ministero dell’Interno di eliminare il servizio mensa e imporre il buono pasto ai Vigili del Fuoco operativi nella regione Lazio". 

A spiegare le ragioni dello stato d'agitazione i sindacati Fp Cgil, Fns Cisl e Confsal Vvf di Roma e Lazio: Contro ogni logica e buon senso, il Dipartimento del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco ha eliminato il servizio mensa e imposto il buono pasto ai Vigili del Fuoco operativi del Lazio. Una scelta assurda e mortificante. Abbiamo proclamato lo stato di agitazione e chiediamo un intervento dei parlamentari del Lazio per porre fine a questa assurdità e ridare alle lavoratrici e i lavoratori il servizio finora previsto”. Si continua a leggere nel comunicato: “Da ora i Vigili del Fuoco del Lazio nella giornata di servizio (con turni dalle 8 alle 20 o dalle 20 alle 8) dovranno rinunciare al regolare servizio mensa e consumare il loro buono pasto in un esercizio pubblico". 

In conclusione i sindacati dichiarano lo stato di agitazione e fanno appello all’intervento dei parlmentari del Lazio per ridare il servizio mensa ai lavoratori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili del Fuoco senza mensa, scatta lo stato di agitazione sindacale

RomaToday è in caricamento