Economia

Lazio: "La sanità pubblica costa più di quella privata"

Il "Rapporto Oasi 2012" del Cergas pubblica i dati. L'allarme di Codici per i Diritti del Cittadino: conti in rosso, situazione molto grave

Curarsi costa caro, sia in termini di tempo che di denaro. Ma se in un sistema di sanità pubblica, i costi e le liste di attesa non sono all'altezza della qualità dei  servizi che è poi in grado di offrire, al cittadino non resta che rivolgersi alle strutture private, soprattutto quando poi, conti in tasca e dati alla mano, gli  conviene anche. L'allarme arriva oggi dal Centro per i Diritti del Cittadino Codici che pone l'attenzione ai dati del Rapporto Oasi 2012 circa l' "aziendalizzazione della sanità  in Italia", una ricerca che racconta (e dimostra) un aumento del 40% dei ticket nello scorso anno, pari a circa 5 miliardi di euro tra la compartecipazione della spesa  sui farmaci, le visite specialistiche e gli esami diagnostici.

Se, dunque, più del 50% degli italiani decide (se possibile) di rivolgersi al privato, è perchè i numeri della sanità nel Lazio non sono certo molto rassicuranti. Ci siamo già occupati, ad esempio dei "conti in tasca" che molte giovani donne si vedono costrette a fare per esaudire il desiderio di diventare mamme: una spesa che può arrivare fino a 2.000 euro solo per gli esami e alcune analisi di routine. Per non parlare, piuttosto, di una lista di attesa di 5 o 6 mesi per una flussimetria, un controllo importante se si considera necessario in alcuni periodi specifici della gravidanza.

Queste e tante altre difficoltà vengono debitamente affrontate e "quantificate" proprio all'interno del Rapporto Oasi, promosso dal Cergas - Centro di Ricerche sulla Gestione dell'assistenza Sanitaria Sociale. Un viaggio trasversale tra le srutture e i diversi dipartimenti dei Servizi Sanitari Nazionali che ne studia analiticamente le carateristiche e le criticità, senza dimenticarne inoltre l'assetto istituzionale e le singole scelte di gestione dei fondi sanitari. "Purtroppo veniamo a conoscenza di situazioni del genere quotidianamente - ha commentato Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici - troppo spesso i problemi legati al sistema sanitario pubblico obbligano i cittadini a rivolgersi a strutture private per affrontare i propri problemi di salute. Ma non tutti, e non sempre, possono permetterselo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lazio: "La sanità pubblica costa più di quella privata"

RomaToday è in caricamento