Raddoppio via Tiburtina, lavoratori in stato d'agitazione: "Il Prefetto convochi la Raggi"

I sindacati: "Le maestranze sono ormai esauste, confidiamo pertanto in un riscontro da parte del Prefetto in tempi rapidi. Diversamente proseguiremo ad oltranza con la protesta"

Un tavolo con il prefetto Paola Basilone, la sindaca Virginia Raggi e con la presidente del IV Municipio, Roberta Della Casa. E' una richiesta "urgente" quella che arriva dai sindacati in merito ai cantieri per l'allargamento della Tiburtina avanzata non solo "per dirimere le questioni retributive dei lavoratori, bensì per porre al centro della discussione il tema della necessità di terminare l’opera in tempi certi". Perché oltre agli stipendi arretrati attesi da lavoratori "ormai esasperati", il rischio, fanno capire Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil, è quello di trovarsi di fronte "all'ennesima incompiuta" della città. 

L'incontro che si è tenuto questa mattina con la società Tiburtina Scarl - afferente alla Tecnis, appena rientrata in regime di amministrazione ordinaria  dopo il commissariamento giudiziale e con il Dipartimento dei Lavori Pubblici del Comune di Roma, non ha soddisfatto i sindacati: "Nessuna risposta esaustiva a garanzia delle maestranze né sul prosieguo dell’opera, oggetto di contenziosi e di continui ritardi, sia da parte della società" fanno sapere in una nota. Così è scattato lo stato di agitazione. I circa 60 lavoratori impegnati nel cantiere, stanno ancora aspettando il pagamento delle retribuzioni di gennaio e febbraio 2016. 

I NODI DEGLI ETERNI CANTIERI TRA REBIBBIA E SETTECAMINI

Continuano i sindacati in una nota: "20 milioni di euro circa, l’oggetto del contendere tra la società appaltatrice  (Tiburtina Scarl) e la stazione appaltante (Comune di Roma) ai quali è appeso il futuro dell’allargamento di via Tiburtina e delle maestranze in esso impegnate, mentre i crediti vantati dalla Tecnis (alla quale fa capo la Tiburtina Scarl) nei confronti di tutte le stazioni appaltanti disseminate per l’Italia ammontano ad oltre 40 milioni di euro, cifra monstre all’ombra della quale potrebbe consumarsi il dramma sociale di quasi 500 licenziamenti sull’intero territorio nazionale, per scongiurare il quale un vertice al Mise ha visto impegnati di recente i sindacati nazionali dell’edilizia di Cgil, Cisl, Uil".
 
"Chiediamo al Prefetto di Roma di convocare con urgenza un tavolo con il Sindaco della città e con la presidenza del IV Municipio, non soltanto per dirimere le questioni retributive dei lavoratori, bensì per porre al centro della discussione il tema della necessità di terminare l’opera in tempi certi" dichiarano Remo Vernile della Feneal Uil Roma, Domenico Facchini della Filca Cisl Roma, Eric Wibabara della Fillea Cgil Roma e Lazio. "Ci riteniamo profondamente insoddisfatti degli incontri avuti ad oggi a questo riguardo presso le sedi istituzionali e siamo assolutamente convinti che la città, per lo stato in cui versa, non possa permettersi né ulteriori incompiute, anche a fronte dei disagi sostenuti dalla cittadinanza, né la perdita di altri posti di lavoro" concludono i tre sindacati. “Le maestranze sono ormai esauste, confidiamo pertanto in un riscontro da parte del Prefetto in tempi rapidi. Diversamente proseguiremo ad oltranza con la protesta presso tutte le sedi più opportune". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento