Sabato, 24 Luglio 2021
Economia

Il lavoro dell'investigatore: come spia la sua "vittima" ?

Una domanda questa che stimola la curiosità di chiunque. Certamente, il mestiere del detective, che lavori per conto di una agenzia investigativa o per la pubblica sicurezza, non è una professione semplice. C’è chi dice che bisogna avere "fiuto", altri che sostengono come questa professione debba essere recondita nel DNA, altri ancora che ne banalizzano l’utilità, sminuendone l’importanza con qualche luogo comune.

La maggioranza delle persone, dipinge ancora l’investigatore privato come un soggetto misterioso che, munito di impermeabile, occhiali scuri e cappello borsalino stile Humphrey Bogart , attende il marito o la moglie del proprio cliente appostato all’interno dell’autovettura sotto l’abitazione o il posto di lavoro, controllando di tanto in tanto con l’ausilio del proprio binocolo, la situazione.

Alle soglie del 2018 possiamo dire che il progresso ha imposto le sue inevitabili modifiche, stravolgendo in parte anche la professione dell’investigatore privato. Il detective privato è diventato un Security Manager che aiuta le aziende ad evidenziare le criticità esterne o interne, un consulente di parte nella di difesa penale, un criminologo, un informatico, una persona sul quale poter riporre la massima fiducia (Trustworthy).

Chi è oggi l'investigatore privato?

Inserendo su Google la parola chiave investigatore privato Roma abbiamo cercato e scelto in base al suo curriculum personale un investigatore privato “professionista”. E quindi abbiamo rivolto questa domanda al detective privato Giuseppe Tiralongo, titolare da più di vent’anni dell’Atlantica Investigazioni di Roma.

<< L’investigatore privato di oggi è un professionista che si discosta molto dall'immaginario collettivo basatosi sulle avventure di Sherlock Holmes e le prodezze di 007.

Per diventare investigatore privato, oggi è necessario essere laureati, possedere dei requisiti tecnici, morali, culturali ed aver maturato esperienza presso altri investigatori autorizzati. Con l’avvento del decreto ministeriale 269/2010 entrato in vigore l’11 maggio 2015, il settore delle investigazioni private ha fatto decisamente un salto in avanti, disciplinando una attività che fino ad allora era considerata borderline, aumentandone il livello di professionalità e di riservatezza.

L’investigatore privato ha ormai abbandonato l’impermeabile e il binocolo per dare spazio alle tecnologie e allo studio di alcuni argomenti essenziali per lo svolgimento della propria professione, quali ad esempio le investigazioni forense, il deep web, la criminologia, l’informatica e via dicendo>>

Chi è che assume un investigatore privato e per quale motivo?

<< Per quanto riguarda la mia personale esperienza e quindi quella dell’agenzia Atlantica Investigazioni, malgrado le numerose richieste per investigare su abusi legge 104/92 e false malattie, le indagini in ambito privato vanno per la maggiore, ovvero tutte quelle investigazioni che hanno per oggetto quello di far valere o difendere un proprio diritto in sede giudiziale o più semplicemente di accertare un dato, un fatto, una circostanza che ci riguarda personalmente. Per farvi un esempio concreto posso indicarvi le più classiche delle indagini, ovvero quelle delle infedeltà coniugali, seguono le indagini per la determinazione o la revisione dell’assegno di mantenimento, per poi passare alle investigazioni sulla condotta dei minori e per l’affido dei figli, alle indagini per la difesa penale, alle indagini per inchiodare eventuali stalker e via di seguito>>.

Foto del 23-06-14 alle 11.27 #5 (1)-2

L’investigatore privato può intercettare le conversazioni altrui?

<< Tutti vorrebbero conoscere le conversazioni del proprio partner o del concorrente commerciale, e quindi la domanda è in aumento, ma da parte degli investigatori privati non può esserci alcuna risposta poiché nessun investigatore possiede gli strumenti nonché le autorizzazioni (che possono essere rilasciate solo da un Giudice) che gli consentono di violare la privacy di altri individui.

I clienti sono confusi perché navigando sul web trovano numerosi siti internet che propongono a buon mercato, microspie, software per spiare cellulari e computer, congegni di vari genere atti allo spionaggio; in questo contesto, chi per necessità e ancora chi solo per curiosità, si improvvisa una spia. Per esperienza diretta, sappiate che questo genere di comportamento al 90% non porta a nessuna conclusione oggettiva in quanto le prove reperite in tal modo non sono valide in nessun tribunale, altresì i dati che si riescono a reperire sono il più delle volte parziali, poco chiari, fraintendibili ed in alcuni casi forvianti perché interpretati in maniera del tutto errata.

La persona spiata avrà sempre e comunque la possibilità di giustificare a suo piacimento il contenuto di un sms, di una chat, o di una conversazione, negando le evidenze con frasi del tipo: “era solo un gioco”, “è una amicizia particolare”, “stavo scherzando”, tu sei matta/o ti stai creando castelli per aria”; la fotografia o il video di un bacio, di un atteggiamento intimo e affettuoso, unitamente alla descrizione dei fatti che hanno interessato quella precisa circostanza, fanno la vera differenza poiché inconfutabili! >>

Ma come opera un investigatore privato?

<< Non esiste una procedura investigativa uguale per tutti e quindi ognuno segue le sue prassi e le sue tecniche. Nella mia agenzia investigativa Roma ad esempio, i nostri detective (me compreso) operano seguendo un metodo di indagine ben preciso, studiato in collaborazione con diverse agenzie investigative del nord Europa e adottato con successo su più di 1000 casi.

Prendendo in esame un’indagine in ambito privato, le nostre investigazioni cominciano ricercando più informazioni possibili circa la vita e le abitudini della persona oggetto dell’accertamento. Successivamente, mettendo in campo le più avanzate tecnologiche del settore investigativo e adoperandoci con pedinamenti ed appostamenti vari, iniziamo quelle che sono per gli addetti ai lavori le così dette attività di indagini “atipiche”, volte a reperire materiale probatorio.

Il tutto viene eseguito garantendo sempre la massima riservatezza e soprattutto senza violare alcuna legge. Non è come si vede nei film, non possiamo accedere in aree private come appartamenti ed uffici per istallare microspie ambientali, non possiamo travestirci camuffando la nostra identità e soprattutto non possiamo contare su alcun privilegio in quanto non siamo pubblici ufficiali.

Quindi è lavoro fatto di strategie, di accorgimenti e tecniche affinate con l’esperienza sul campo, un’attività dura e avvolte estenuante che però ha a suo discapito molte soddisfazioni personali.>>

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il lavoro dell'investigatore: come spia la sua "vittima" ?

RomaToday è in caricamento