"Mai Più un Bambino” diventa giornata internazionale e approda nella casa famiglia di “Capitano Ultimo”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Il progetto "Mai Più un Bambino" a difesa dei minori e delle famiglie che ogni giorno lottano perché i loro piccoli vengano rispettati sia dal punto di vista giudiziario che nel campo sanitario e pedagogico raggiunge un nuovo traguardo. Dopo essere stato oggetto di un libro, scritto dall'avvocato Francesco Miraglia del Foro di Modena, dall'ex Ministro alla Salute Antonio Guidi e dalla presidente dell'Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare (INPEF) Vincenza Palmieri ed edito dalla Armando Editore (2013) diventa un appuntamento annuale con l'istituzione della Giornata Internazionale "Mai Più un Bambino" .

La prima si svolgerà il prossimo 23 giugno dalle 10 alle 18 presso la sede dell'Associazione Volontari Capitano Ultimo presso la Tenuta della Mistica a Roma. Un momento di grande festa quello organizzato dall'Associazione Nazionale dei Pedagogisti, dall'Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare e dalla Casa Famiglia Volontari Capitano Ultimo che prevede vari momenti di incontro e confronto a partire dal workshop dal titolo "Modelli di accoglienza e accompagnamento, Vivere senza Psicofarmaci®, Scambio, lavoro, educazione, criminalità: il valore aggiunto della "differenza"" che vedrà l'intervento dei relatori Vincenza Palmieri, Francesco Miraglia, Francesco Morcavallo, Stefania Petrera, Eleonora Grimaldi, Amelia Izzo, Adele Cagnetta, Padre Rovo, i Carabinieri volontari e i Minori stranieri non accompagnati.

"Si tratta di un momento importante - spiega l'avvocato Francesco Miraglia del Foro di Modena, che è stato fin dall'inizio uno dei promotori del progetto - che ribadisce la nostra volontà concreta di lavorare attivamente, insieme ad altri gruppi, associazioni, singole persone affinché i diritti dei bambini vengano riconosciuti. Da sei mesi, stiamo portando in giro per l'Italia un messaggio chiaro: i minori vanno tutelati ogni giorno dell'anno e non solo quando i fatti di cronaca ci ricordano che esistono. Essi vanno seguiti, devono poter continuare a vivere in famiglia qualora le loro singole situazioni lo permettano, oppure essere ospitati in case famiglia che effettivamente ne garantiscano la "tutela" e non che li usino come "businness". I bambini vanno amati, ascoltati e non sottoposti a trattamenti sanitari obbligatori o riempiti di farmaci. Il fatto che anche l'associazione di Capitano Ultimo, o meglio del Colonnello Sergio De Caprio (noto ai più per aver arrestato Totò Riina nel 1993) abbia deciso di sposare questa causa, ci onora e ci conferma che stiamo lavorando nella giusta direzione".

Una giornata nella quale si alterneranno anche momenti di animazione come lo spettacolo del "Volo del Falco" o ancora quello curato dagli Artisti per i Diritti umani, i laboratori pratici sulla lavorazione del pane, dei dolci, della pasta e dell'artigianato (curati anche dai Richiedenti asilo), il mercatino etnico e l'esibizione del gruppo musicale "Ghost" con Alex e Enrico Magistri.

Nadia Milliery Ognibene

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento