Economia

Ecobonus 110: "Raggi blocca le pratiche, fabbricati rischiano di restare al palo"

Il presidente dell'assemblea capitolina contro la sindaca: "Senza più le società esterne che facilitavano l'accesso ai documenti, gli amministratori sono fermi da mesi"

Centinaia di pratiche per l’Econobonus 110% e Bonus Facciate 90% in stallo “per colpa della scellerata amministrazione Raggi”. L’attacco arriva da Marcello De Vito, presidente dell’assemblea capitolina ed ex Cinquestelle ora candidato in Comune con Forza Italia e Manuel Tiranti, candidato  al consiglio municipale di Montesacro. 

“Gli amministratori condominiali e i professionisti chiamati a reperire i progetti dei fabbricati – scrivono in una nota i due esponenti del partito di Silvio Berlusconi – sono bloccati da mesi. Raggi ha sospeso le assunzini di società esterne volte a garantire un alleggerimento delle numerose pratiche aperte, aumentate grazie al decreto semplificazioni. Non ha neppure ascoltato le proposte di tutti gli ordini professionali volte a fornire personale di supporto tramite convenzioni che avrebbero portato maggiori entrate e riduzioni di tempi per l’ente”. 

Il risultato, come raccontano De Vito e Tiranti “è che parecchi condomini romani rischiano di rimanere al palo e di vedere svanire così una grossa opportunità di valorizzare a costo zero il proprio fabbricato”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecobonus 110: "Raggi blocca le pratiche, fabbricati rischiano di restare al palo"

RomaToday è in caricamento