Disabili: firmato l'accordo per i lavoratori +Bus

Avevano un contratto a tempo indeterminato. Licenziati hanno fatto una doppia battaglia: per loro e per i 6mila disabili che non usufruiscono più del Servizio di trasporto a chiamata. Ora c'è l'accordo

Finalmente firmato l'accordo tra la Provincia di Roma e i rappresentanti della FILT Cgil e UGL Trasporti per i lavoratori del Servizio di trasporto a chiamata per disabili "+Bus". Una "trattativa lunga e complessa": gli assessori provinciali alla Mobilità e Trasporti, Amalia Colaceci ed alle Politiche del Lavoro, Massimiliano Smeriglio l'hanno definita così. "Abbiamo sempre trovato nei rappresentanti sindacali una controparte, preoccupata e attenta alla tutela dei lavoratori e nello stesso tempo collaborativa e aperta al dialogo ed al confronto.

Queste condizioni hanno portato alla firma di un'intesa che oggi ci permette di dare risposte concrete ai lavoratori del servizio "+Bus"".Tutti contenti, dunque? "No, non esattamente. Le condizioni finali ci lasciano parzialmente soddisfatti", spiega Maurizio Basilico, rappresentante della Cgil.

Condizioni così descritte dagli assessori: "Nel periodo di affidamento diretto e sino all'aggiudicazione del nuovo appalto la Provincia di Roma garantirà, per i lavoratori che rimarranno fuori dall'impiego, un sostegno al reddito tale da integrare e parificare gli stipendi con quelli percepiti fino ad oggi, grazie ad un percorso formativo che permetterà a questi lavoratori di utilizzare tale periodo per riqualificarsi". E se poi dovessero esserci esuberi con l'aggiudicazione del nuovo appalto l'Amministrazione provinciale si impegna ad istituire un Tavolo di confronto permanente con le rappresentanze sindacali per favorire il reinserimento lavorativo e nel frattempo sostenere economicamente i lavoratori e le lavoratrici'", concludono Smeriglio e Colaceci.

"Ma chi accetterà - e lo farà per bisogno e perché ha famiglia - verrà precarizzato, come aveva chiesto l'azienda, e avrà un trattamento economico nettamente inferiore rispetto a prima. Chi, invece, non accetterà queste condizioni, verrà tenuto in mobilità dalla provincia fino all'assegnazione del prossimo appalto", commenta Basilico. "Stamattina alle 11 abbiamo una riunione del sindacato: la lotta continuerà, e probabilmente impugneremo il licenziamento".

Ma qual è stata la cronaca di questa vicenda, che poco ha bucato su giornali e agenzie ma che ha visto i lavoratori coinvolti in piazza a testimoniare la loro storia? "Dalla Provincia sono arrivate delle voci "Pare che stiano firmando la mobilità. Però non è cambiato praticamente nulla", raccontava Maurizio, lunedì sera,  mentre l'accordo stava per essere chiuso. "Il nostro ex datore di lavoro che non ha sciolto ancora la riserva sull'accettare o meno l'affidamento. Entro la serata noi lavoratori dovremmo firmare quanto meno la messa in mobilità. Non si sa se è per due mesi. Però poi tutto è subordinato all'accettazione dell'azienda, al nuovo affidamento, quanti lavoratori firmeranno realmente, quanta gente andrà in mobilità "C'è ancora molta nebbia".

"Il servizio +Bus si è interrotto il 19 gennaio", spiega il sindacalista, "perché era scaduto l'appalto. La provincia ha lanciato un nuovo bando, che però verrà assegnato tra circa 60 giorni. Nel frattempo, sono rimasti a piedi 6mila disabili iscritti al servizio, e 64 lavoratori. I lavoratori sono stati per una settimana in presidio permanente davanti alla sede della Provincia", a Piazza Venezia. "Si è aggiunto anche un gruppo di disabili con un camper. Sono rimasti per sette giorni lì, a testimoniare, e in attesa di notizie positive. Che però hanno tardato molto ad arrivare", commenta amareggiato.Un banchetto all'angolo di Piazza Venezia. Bandiere colorate, e i lavoratori seduti ad attendere risposte e a spiegare ai passanti le loro ragioni.

I lavoratori, assunti a tempo indeterminato, sono stati licenziati dall'azienda in vista del nuovo appalto. "Tutti, compresi i rappresentanti sindacali, e contro qualsiasi legge" denuncia Basilico. "L'azienda ci ha poi proposto di assumerci nuovamente, ma le condizioni erano sensibilmente cambiate: ci hanno proposto un contratto di cooperativa come soci-lavoratori, precarizzandoci a 850 euro al mese (ne prendevamo più di mille), senza buoni pasto né ferie né malattia. Ah! Per diventare soci, bisogna versare la quota: 250 euro a testa" conclude sarcastico.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento