CoopUp arriva a Roma: ecco il progetto di start up di Confcooperative

Sulla scia del successo ottenuto in diciassette città italiane, prende il via anche nella Capitale il progetto comune di Confcooperative, Credito cooperativo (Bcc) e Fondo sviluppo per creare incubatori di impresa e favorire la nascita di start up cooperative

Diventare imprenditori di se stessi e trasformare un'idea in un'impresa cooperativa si può: CoopUp, il progetto di start up di Confcooperative, arriva a Roma. Sulla scia del successo ottenuto in diciassette città italiane, prende il via anche nella Capitale il progetto comune di Confcooperative, Credito cooperativo (Bcc) e Fondo sviluppo per creare incubatori di impresa e favorire la nascita di start up cooperative, mettendo a disposizione spazi fisici, percorsi di realizzazione e coaching. 

La presentazione è avvenuta al palazzo della Cooperazione di via Torino. "È il nostro modo di fare rappresentanza: favorire lo sviluppo dal basso. Dare una prospettiva ai giovani. È anche così- spiega, nelle parole riportate sul sito della cooperativa Osa, il responsabile di Confcooperative Roma, Andrea Fora - che l'Italia riparte innescando processi di crescita sul territorio. Con CoopUp vogliamo mettere le ali alle idee innovative di impresa di giovani e donne". 

"Il Paese ha un disperato bisogno di lavoro - dice il direttore di Confcooperative Roma, Gennaro Cerino - le cooperative provano a dare una risposta a questo bisogno. CoopUp vuole offrire un'alternativa, un percorso ai giovani che vogliano creare un'impresa. CoopUp punta a diventare un punto di riferimento sul territorio per quanti vogliano crescere attraverso l'esperienza nel mondo cooperativo". 

Il programma, nato grazie al sostegno di Fondo sviluppo, della Camera di commercio di Roma, oltre al Credito cooperativo (che altrove in Italia ha sostenuto, grazie alle Bcc dei territori, iniziative di coworking e tutoraggio a favore di start up cooperative) e l'associazione NeXt (Nuova economia per tutti), ha tra i partner due atenei romani, l'Università degli studi di Tor Vergata e l'università Lumsa.

"Sviluppare e finanziare progetti di autoimprenditorialità - commenta Paolo Grignaschi, direttore della Federazione Bcc di Lazio, Umbria e Sardegna - è importante per sostenere l'economia reale con concretezza e coerenza con l'identità delle banche cooperative mutualistiche". Destinatari del progetto CoopUp sono le cooperative costituite da non più di 24 mesi e gli aspiranti cooperatori che intendono trasformare le loro idee in impresa. In particolare, il progetto mira a realizzare a Roma un incubatore cooperativo che diventi il punto di riferimento dell'autoimprenditorialità a vocazione sociale della Capitale, integrandolo con uno sportello di consulenza e servizi di supporto finanziario rivolto sia agli startuppers che a tutte le cooperative attive sul territorio romano. 

Il CoopUp di Roma Capitale, riporta sempre il sito della cooperativa Osa, vuole essere una community dove conoscersi e confrontarsi, uno spazio fisico di unione e collaborazione dove far crescere le imprese del domani. Il coworking coinvolgerà la sede capitolina di Coonfcooperative (via Torino 146), lo spazio di San Cesareo (via Maremmana 11), un'area extra urbana a sud-est della Capitale, strategica sia per la vicinanza con l'Universita' di Tor Vergata, sia per i prodotti, per i locali ed i servizi bancari dedicati alle start up offerti dalla Bcc dei Castelli Romani e del Tuscolo. 

Fondo sviluppo ha messo a punto una linea di intervento dedicata alle start- up giovanili e femminili che nasceranno grazie all'attività del CoopUp. Per partecipare al progetto CoopUp occorre compilare il form presente sul sito: www.roma.confcooperative.it/coopup. Le candidature possono essere presentate dall'1 al 31 marzo 2017. 

Una commissione di dirigenti cooperativi ed esperti provenienti dal mondo accademico e non, selezionerà le idee di impresa più innovative che accederanno al percorso e le start-up cooperative che usufruiranno degli spazi di coworking e di consulenza personalizzata sulle questioni legali, amministrative e finanziarie. Le idee selezionate parteciperanno al percorso formativo che prenderà il via ad aprile e si concluderà a luglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

  • La voglia di festa sfida il Covid: in 34 assembrati in 70 metri quadri, la vicina chiama i carabinieri

Torna su
RomaToday è in caricamento