Economia

Cna: “Roma cade a pezzi, ma non ci sono soldi per restauri”

"Il settore del restauro dei beni sottoposti a tutela ha avuto un crollo del 65% nel numero delle gare e del 67% per gli importi"

“Casali abbandonati, muri scrostati, armature a vista, frontalini e infissi pericolanti e opere d'arte abbandonate a se stesse: un problema di ordine pubblico, prima ancora che di decoro urbano” questa la denuncia della Cna di Roma che presenta i dati  sull'andamento del mercato delle costruzioni con un focus sul recupero.
.Spiegano dall'associazione: "Il mercato non mancherebbe. Le immagini di una città che cade a pezzi lo dimostrano. Oltre 200 le foto scattate in una sola settimana dagli imprenditori che hanno documentato il degrado di centro e periferia.”

Tutto questo non rappresenta solo un problema secondo la Cna ma “anche un'opportunità per tante piccole e medie imprese che operano nel settore del rinnovo, che rappresenta quasi 8 miliardi di euro, circa il 75% del valore della produzione nelle costruzioni".



Contemporaneamente, secondo la Cna, il rinnovo e la manutenzione ordinaria sono rimasti quasi sugli stessi livelli: "quasi 7 miliardi nel 2006, contro gli oltre 7,8 miliardi di quest'anno. Le incertezze legate al Piano Casa e gli scarsi investimenti pubblici nella riqualificazione, hanno fatto mancare quell’ossigeno che le imprese avrebbero potuto aspettarsi. In affanno anche i bandi pubblici e i restauri, complici le risorse pubbliche ridotte al lumicino. Nei primi otto mesi dell'anno i bandi pubblicati per le nuove realizzazioni sono calati del 39% e del 13% per importo. Nello stesso periodo i bandi aggiudicati per le nuove realizzazioni si sono contratti per il 16% in numero, ma del 40% per gli importi. Il settore del restauro dei beni sottoposti a tutela ha avuto un crollo - concludono - rispetto allo stesso periodo del 2011, del 65% nel numero delle gare e del 67% per gli importi".

Con la crisi economica le famiglie acquistano sempre meno case. Secondo un'elaborazione Cna su dati del Cresme a Roma e provincia "le compravendite sono in calo del 36% negli ultimi sette anni e del 20% quest'anno e i mutui, nei primi otto mesi sono crollati del 31%".

Il direttore della Cna di Roma Lorenzo Tagliavanti parlando della data delle prossime elezioni regionali dichiara: “La Polverini ascolti meno le opportunità della politica e più l'economia del territorio, che non ce la fa a reggere sei mesi di stallo. Quanto prima dobbiamo avere una Regione con i pieni poteri, perché nel Lazio ci sono problemi straordinari. Le imprese e i cittadini lo dicono forte: fate presto altrimenti arriviamo morti. Oggi parliamo di edilizia - continua -: l'edilizia privata di nuova costruzione è ferma, l'edilizia pubblica è ferma. La Regione deve dare fondi ai Comuni e non lo fa. Come si fa ad aspettare altri sei mesi? Stessa cosa vale per il piano triennale dell'artigianato, per la sanità...Si rischia il disastro".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cna: “Roma cade a pezzi, ma non ci sono soldi per restauri”

RomaToday è in caricamento