Martedì, 19 Ottobre 2021
Economia

Carrefour, piani di ristrutturazione e franchising: nei supermercati “a rischio 100 lavoratori”

L'allarme dei sindacati sul futuro dei lavoratori del noto marchio della grande distribuzione organizzata: "Non si può restar fermi, in assenza di piani di rilancio"

I piani di ristrutturazione Carrefour, noto marchio della grande distribuzione organizzata, mettono a rischio “oltre cento lavoratrici e lavoratori”. A lanciare l’allarme sulle sorti dei dipendenti dei supermercati Carrefour sono Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs. Il timore è quello che l’azienda voglia aprire una procedura di licenziamento collettivo per poi arrivare ad esodi incentivati e dunque volontari. I sindacati chiedono invece seri piani di rilancio e la tutela dei lavoratori. 

Carrefour, l'allarme dei sindacati: "A rischio oltre 100 lavoratori"

“Più di cento famiglie nell’incertezza e nella preoccupazione in un momento in cui i lavoratori del comparto del commercio hanno sofferto come non mai a causa della pandemia, e in cui non sono mancate altre riorganizzazioni e criticità riguardanti la Grande distribuzione organizzata. Non si può restar fermi, in assenza di piani di rilancio. Ci risulta inoltre che, a fronte della dichiarazione di esuberi, Carrefour faccia ricorso in modo massiccio a lavoratori interinali e a cooperative che di fatto, sostituiscono i lavoratori diretti: un controsenso, o un modo di risparmiare sulle spalle dei dipendenti” - denunciano Anna De Marco, della Filcams CGIL Roma Lazio, Giulia Falcucci, segretario territoriale della Fisascat CISL Roma Capitale e Rieti, e Alessandro Contucci e Sergio Moro, della Uiltucs Roma e Lazio. 

I punti vendita Carrefour passano in franchising: "Cessione sia responsabile"

Una situazione alla quale si aggiungono le incertezze derivanti dalla decisione di far passare al franchising 16 punti vendita sul territorio regionale, questione che comporterebbe di fatto la frammentazione dei lavoratori a una serie di imprenditori privati, con condizioni occupazionali presumibilmente peggiorative. Nel pieno dell’estate scorsa la protesta fragorosa dei lavoratori del Carrefour di Piazza Irnerio per “per dire ‘no’ al franchising indiscriminato” e chiedere un intervento a GS s.p.a. (la società della grande distribuzione alimentare italiana del gruppo Carrefour ndr.), per un allineamento del punto vendita alle corrette linee guida Carrefour.  

L'appello dei sindacati a Carrefour: "Faccia assunzione di responsabilità"

“È desolante e inaccettabile trovarsi di fronte a forti decisioni di ridimensionamento, in un momento in cui si dovrebbe fare tutto il possibile per favorire la ripresa del commercio, dei consumi, del lavoro. Per parte nostra, riteniamo che vada fatto tutto il possibile per evitare che i lavoratori della GDO, reduci da un lungo periodo di sforzi, stress ed esposizione al pubblico durante la pandemia, vengano ripagati diventando esuberi”. La richiesta dei sindacati in attesa del confronto con l’azienda ancora non programmato è che  Carrefour faccia “un’assunzione di responsabilità”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carrefour, piani di ristrutturazione e franchising: nei supermercati “a rischio 100 lavoratori”

RomaToday è in caricamento