Caos Tares, l'Ama si difende: "Aumentati quattro sportelli"

L'azienda capitolina informa come da qualche tempo erano stati potenziati personale e postazioni. Il Codacons però promette battaglia e apre un apposito patronato

Dopo il caos presso gli uffici della Tares Ama in via Capo d'Africa l'Ama risponde alle polemiche. “Per agevolare l’afflusso di cittadini in quest’ultimo periodo è stato potenziato il personale e le postazioni di sportello sono passate da 12 a 16” si legge in un comunicato stampa dell'azienda che ricorda come pochi giorni fa la scadenza per il pagamento della tassa, che comprende sia la voce della tassa rifiuti vera e propria che il tributo per i servizi indivisibili, è stata spostata fino al 24 gennaio. Il Codacons però lancia l'allarme annunciando ricorsi qualora dovessero essere applicate maggiorazioni di fronte ai ritardi.

PAGAMENTO TARES- Il bollettino allegato al documento di pagamento tariffa può essere pagato con diverse modalità: On line, collegandosi a scrignopagofacile.it, senza addebito di commissione: presso gli sportelli delle filiali della Banca Popolare di Sondrio (anche sportelli bancomat) e presso gli sportelli di qualsiasi altra banca; con addebito di commissione: presso gli uffici postali; presso gli sportelli Ama (esclusivamente con Pos - circuito bancomat; carte di credito Visa e MasterCard. Non si accetta denaro contante; presso le ricevitorie SISAL-Superenalotto e Lottomatica autorizzate, utilizzando il codice a barre; con l'innovativo sistema WiW Mobile (Pay&Buy) dal telefono cellulare digitando il codice esercente 10003 (informazioni dettagliate all'indirizzo www.popso.it/wiw); con carta di credito circuito VISA, MasterCard o PayPal, telefonando al numero unico 199.151.166 senza scatto alla risposta (da rete fissa tariffa € 0,0836 al minuto, da rete mobile tariffa vigente applicata dal singolo gestore).

PAGAMENTO SERVIZI - L’F24 per i servizi indivisibili, invece, può essere pagato presso gli sportelli bancari, postali o anche online collegandosi tramite internet con la propria banca. Nel caso in cui dovessero verificarsi problemi dovuti alla presenza della spunta sul campo “Saldo” per procedere comunque all’operazione è sufficiente togliere la spunta. Sia il sistema bancario che quello postale sono informati sulla corretta procedura da seguire per portare a termine l’operazione. Se invece si utilizza il Modello F24 unificato i dati riportati sul modello F24 semplificato devono essere riportati nel quadro “Imu e altri tributi locali” e non è necessario inserire il “numero identificativo operazione”.
Ama ricorda a tutti i cittadini che è attivo anche un accordo con Poste Italiane in base al quale è possibile espletare le procedure ordinarie relative alla tariffa rifiuti nei 110 uffici postali aderenti a “Sportello amico” presenti in città. Si ricorda infine che, registrandosi al sito internet di Ama, è possibile visualizzare il proprio contratto e scaricare sia il bollettino sia il modello F24 per i “Servizi indivisibili”.

CODACONS - Allarmato il Codacons che ha denunciato come molti cittadini si siano rivolti all'associazione dei consumatori perché “in preda all'incertezza e alla preoccupazione” dovuti al fatto che a molti non sono arrivati i bollettini e che in pochi sono a conoscenza  del fatto che il pagamento è stato prorogato. “Ad aggravare la situazione di caos è la presenza di due moduli da pagare il bollettino postale per la tariffa rifiuti e il modello F24 per i servizi indivisibili, di importo variabile e pari a 30 centesimi a metro quadro. Molti utenti non sanno che vanno pagati entrambi” si legge nella nota del Codacons.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PATRONATO - Per Carlo Rienzi, presidente dell'associazione “i cittadini sono abbandonati a loro stessi” commenta annunciando una battaglia legale contro “qualsiasi interesse o maggiorazione che dovesse essere applicata a chi, a causa di tale situazione, effettuerà i pagamenti in ritardo”. Intanto il Codacons è corso ai ripari aprendo a Roma un apposito patronato che darà informazioni e assistenza in materia fiscale e tributaria. Per info e appuntamenti tel. 06/62284092.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La sala è piena di pubblico senza mascherina: la “bolla” del Costanzo Show fa infuriare i social

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Ristorante romano consegna le chiavi a Virginia Raggi: "Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo"

  • Centro commerciale Maximo, salta l'inaugurazione: le insegne sono coperte e sull'apertura cala il silenzio

  • Coronavirus, ecco perché Roma è messa meglio di altre grandi città: i numeri spiegati dagli esperti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento