rotate-mobile
Economia La Pisana

Sanità: budget Asl inalterati; la più ricca è la RmB

Presentati ieri dalla Regione i budget per le aziende sanitarie locali. Poche variazioni rispetto allo scorso anno. A causa degli aumenti però si dovrà probabilmente ricorrere al blocco del turnover

C inque miliardi e duecento cinquantaquattro milioni di euro. E' questo il budget che avranno a disposizione i direttori generali di Asl e aziende ospedaliere per il prossimo 2009. Lo ha comunicato ieri la Regione Lazio, confermando sostanzialmente, le cifre messe a disposizione nel corso del 2008.

Nel particolare nel 2009 gli oltre cinque miliardi saranno così ripartiti: 2,875 i miliardi di euro per pagare gli stipendi al personale della sanità, 567 i milioni di euro per acquistare prodotti farmaceutici, 1,811 miliardi di euro per acquistare beni e servizi. Neanche un euro in più, almeno stando alle dichiarazioni della Pisana, sarà destinato ai manager delle Asl.

Invariata la spesa per il personale rispetto al 2008. Però inserendo nel bilancio gli aumenti contrattuali previsti, le aziende sanitarie locali dovranno necessariamente ricorrere al blocco del turn over. Il che vuol dire blocco delle assunzioni. I tagli sono invece relativi agli acquisti di beni e servizi che da ospedale a ospedale passano dai 12 del San Camillo, ai 2 della Asl RmE.

Spulciando il bilancio l'Asl che riceverà più denaro sarà la RmB con 384 milioni. Segue a ruota con 353 milioni l'Asl di Frosinone, appena 3 milioni in più della RmC. Quattrocento quattordici i milioni di euro a disposizione dell'Umberto I.

Tra le aziende ospedaliere il Forlanini guida la graduatoria con 377 milioni di budget, dei quali ben 250 vendo spesi per i dipendenti. Proprio il Forlanini, anche a causa della prossima confluenza nel San Camillo, subirà dei tagli al personale. L'unica certezza per ora è che non sarà permesso a chi ha più di 40 anni di anzianità di restare a lavoro.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità: budget Asl inalterati; la più ricca è la RmB

RomaToday è in caricamento