Economia

Braciamiancora: nasce il primo sistema di aggretazione gratuito per i macellai d'Italia

Assediati dai vegetariani oltranzisti, vilipesi dai Vegani, la categoria dei macellai è - mai come oggi - nel mirino di chi li vorrebbe estinti, se  non obbligati a vendere solo tofu e cereali. In Italia ci sono circa ventisettemila macellerie e molte di loro, tra calo dei consumi e violente campagne stampa da parte di associazioni pseudo animaliste, non nascondono preoccupazioni per il futuro. 

Per lenire in  parte queste preoccupazioni, e cercare di aiutare in modo concreto una categoria laboriosa, Braciamiancora - unico giornale online italiano ad essere incentrato sul mondo della carne a 360°- ha deciso di aprire all'interno del proprio sito una sezione all'interno della quale ogni macelleria potrà creare la sua vetrina virtuale. 

"Non tutti i macellai hanno un sito internet e, tolte le associazioni di categoria che però si rivolgono esclusivamente agli addetti ai lavori, non esiste un punto di aggregazione generalista e che dia la possibilità ad ogni singolo macellaio di descrivere il suo lavoro.

Per questo Braciamiancora, in modo del tutto gratuito, permetterà ad ogni singolo macellaio italiano di avere una vetrina virtuale all'interno del portale.

In Italia il consumo di carne è diventato sempre più responsabile, il consumatore chiede, si informa, vuole sapere molti dettagli del prodotto che sta per acquistare e consumare e il nostro giornale si propone come punto di incontro tra domanda e offerta", spiega Michele Ruschioni direttore editoriale della testata. 

Con oltre mezzo milione di fan su Facebook e una media di duecentomila lettori mensili Braciamiancora è diventato negli anni un punto di riferimento per tutti coloro che amano cucinare e consumare cibi cotti alla brace o al barbecue. I Macellai, e i consumatori di carne, rappresentano lo zoccolo duro della comunità che anima le pagine social del giornale. 


"Invitiamo pertanto ogni macellaio ad aderire alla nostra iniziativa e dare avvio alla sua vetrina virtuale e raccontare in modo chiaro la sua attività e i prodotti che vende e lavora", conclude Ruschioni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Braciamiancora: nasce il primo sistema di aggretazione gratuito per i macellai d'Italia

RomaToday è in caricamento