rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
Dossier Il reportage

Pantano, la terra di mezzo che la metro C non ha cambiato

Costruzioni abusive, discariche a cielo aperto e strade sterrate. E a meno di tre chilometri decine di famiglie vivono senz'acqua e senza fogne

È la zona dove è morto Alexandru Ivan, il 14enne freddato la notte del 13 gennaio nel parcheggio della metro C. Pantano è una ‘terra di mezzo’ e dal 2014 accoglie il capolinea della linea verde. A poche decine di metri dalla stazione vivono famiglie senza acqua potabile e senza fogne. Tra costruzioni abusive, discariche a cielo aperto e strade sterrate. 

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante...

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Il tuo abbonamento è in corso di attivazione: attendi qualche istante.
Prova ad aggiornare questa pagina | Gestisci il tuo abbonamento
A causa di un problema non è stato possibile ottenere gli abbonamenti disponibili: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Non ci sono abbonamenti disponibili al momento: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento

Potrebbe interessarti

RomaToday è in caricamento