rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Dossier Basta un click

Liste d'attesa infinite, priorità non rispettate. Ecco la Pec in soccorso del paziente

Il diritto alla salute è sancito dalla Costituzione. Eppure, in tanti sono costretti a ricorrere al privato per via delle lunghe code pubblico. Il modo di far rispettare i propri diritti c’è e passa attraverso una mail

Sarà capitato anche a voi di chiamare il Cup con apposita impegnativa e non vedere rispettata la priorità di una visita. In tanti desistono, optano per il privato: dunque, pagano. Vale la pena invece sapere che l’alternativa c’è e, per legge, se la visita specialistica non è garantita secondo la priorità, si può ottenere la stessa prestazione in regime di intramoenia senza costi aggiuntivi rispetto al ticket. 

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante...

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Il tuo abbonamento è in corso di attivazione: attendi qualche istante.
Prova ad aggiornare questa pagina | Gestisci il tuo abbonamento
A causa di un problema non è stato possibile ottenere gli abbonamenti disponibili: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Non ci sono abbonamenti disponibili al momento: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento

Potrebbe interessarti

RomaToday è in caricamento