rotate-mobile
Dossier 300mila voti a rischio

Il voto impossibile dei lavoratori fuorisede

Nel Lazio i lavoratori che vivono in un comune diverso da quello di residenza sono circa 300mila, quasi 10 volte più degli studenti: "Gli italiani all’estero sono più vicini al nostro paese, perché hanno più diritti di noi"

Leonardo allarga le braccia: “Sono lavoratore, fuori sede, precario. Per andare a votare dovrei prendere un giorno di ferie, ma proprio non posso”. Ha 31 anni, da 13 vive e lavora a Roma ma è ancora residente a Cariati, il piccolo borgo in provincia di Cosenza dove è nato e cresciuto: “Una mia amica abita a Hong Kong e potrà votare tranquillamente per corrispondenza. Io no, è una distorsione del sistema”, dice a RomaToday. Anche Rachele è d’accordo: “Gli italiani all’estero sono ancora più lontani di noi, ma sono più vicini al nostro paese, perché hanno più diritti di noi”.

Abbonati a Dossier per vedere il servizio completo

Il contenuto è riservato agli abbonati.

Caricamento in corso: attendi un istante...

Si è verificato un errore: prova ad aggiornare il tuo browser.

Il tuo abbonamento è in corso di attivazione: attendi qualche istante.
Prova ad aggiornare questa pagina | Gestisci il tuo abbonamento
A causa di un problema non è stato possibile ottenere gli abbonamenti disponibili: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento
Non ci sono abbonamenti disponibili al momento: riprova più tardi.
Gestisci il tuo abbonamento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

RomaToday è in caricamento