rotate-mobile
Dossier L'inchiesta

"Essere scientologist", i miei due mesi dentro Scientology

Tra marzo e maggio mi sono infiltrato nella chiesa romana del movimento religioso statunitense, fingendomi interessato a diventarne seguace: ecco cosa ho visto. La videoinchiesta in quattro puntate del team Dossier

A inizio febbraio su queste pagine avevo provato a tracciare una mappa dell’occulto romano. Per farlo mi ero basato sulle segnalazioni arrivate dal Lazio nel 2022 al Centro studi sugli abusi psicologici (Cesap). In totale erano 121. Tre di queste provenivano da parenti di ragazzi che hanno iniziato i percorsi di disintossicazione nei Narconon, i centri di recupero dalla tossicodipendenza ispirati a Scientology, il movimento religioso statunitense fondato dallo scrittore Ron Hubbard nel 1954: “Ci chiedevano aiuto su come riportare a casa i loro figli”, raccontava la presidente del Cesap Lorita Tinelli. Da queste segnalazioni è nata l’idea della videoinchiesta che, se vorrete, potrete guardare (e leggere) su RomaToday Dossier nelle prossime settimane.

Chi sono e in cosa credono gli scientologist

Prima di tutto è bene spiegare che cos’è Scientology. La nota associazione religiosa fondata nel 1954 dall’ex scrittore Ron Hubbard e frequentata anche da Tom Cruise e John Travolta conta decine di chiese e milioni di fedeli in 165 paesi del mondo. Promette la purificazione e la liberazione dello spirito, chiamato “thetan”, che avviene eliminando le distorsioni mentali e le condotte più aberranti, come la tossicodipendenza o la criminalità. A causarle sarebbero soprattutto gli “engram”, i ricordi traumatici o negativi registrati in un momento di incoscienza dalla nostra “mente reattiva”, che avrebbero effetti negativi sulla nostra vita. Ad esempio: se un ragazzino riceve un pugno che lo fa svenire e una volta a terra sente il rumore di un rubinetto che scorre da grande quel ragazzino assocerà quel rumore al dolore provato in quell’occasione.

“Se non ti iscrivi malattie o incidenti”. Così Scientology Roma recluta i suoi discepoli

Scientology si offre di eliminare queste tracce degli eventi traumatici del passato. Per farlo bisogna sottoporsi a sedute di “auditing”, una delle pratiche religiose fondamentali per gli scientologist, con la quale sarebbe possibile riportare a galla e cancellare gli engram. Attraverso l’auditing e lo studio di costosi libri, corsi e materiali didattici il fedele avanza così lungo il “il ponte verso la libertà”, il percorso sacro che lo porterà a liberarsi dalla mente reattiva e raggiungere lo stato di “clear” (pulito). Una volta pulito lo scientologist può superare anche gli otto livelli per diventare OT (Thetan Operante), una specie di supereroe “in grado di occuparsi delle cose senza il bisogno di utilizzare dei mezzi fisici”. Secondo alcuni ex scientologist l’intero percorso può arrivare a costare centinaia di migliaia di euro e gravi stress fisici e psicologici.

In diversi paesi il metodo Scientology è stato condannato dai magistrati ed è diventato oggetto di interrogazioni parlamentari, documentari e inchieste giornalistiche. In Italia, tuttavia, nel 1997 la Cassazione ha riconosciuto la natura religiosa di Scientology, in virtù della quale nel 1998 il ministero delle Finanze ha concesso anche l'esenzione fiscale. In diverse occasioni, inoltre, la Corte europea dei diritti dell'uomo (Cedu) si è pronunciata a favore di Scientology, per tutelare la libertà religiosa dei suoi membri. 

Scientology a Roma 

In Italia ci sono 14 chiese (dette “Org”) e 18 missioni (chiese più piccole), frequentate da poco meno di 300mila persone tra fedeli e simpatizzanti. Difficile capire quanti di questi siano a Roma. Nella Capitale Scientology ha cominciato a diffondersi negli anni ottanta, ma la sede di via della Maglianella è stata inaugurata solo il 24 ottobre del 2009, davanti a 6mila persone. A tagliare il nastro era stato David Miscavige, il leader mondiale del movimento religioso: "La Città di Dio, la Città dell’Uomo, centro del Mondo Occidentale per almeno un migliaio di anni. Quale arena può essere migliore per mostrare ciò che Scientology può fare?”, aveva chiesto retoricamente alle 6mila persone accorse per l'occasione. Da allora migliaia di adepti, simpatizzanti o curiosi hanno visitato o frequentato la chiesa romana. Una struttura mastodontica: 6.500 metri quadrati con un auditorium da 300 posti, una cappella, un'accademia e una sala mensa, circondati da un parco di oltre 11 ettari. L'immagine perfetta della potenza e delle capacità economiche di Scientology. 

Cosa vedrete 

L'inchiesta sarà divisa in quattro puntate. Il frutto di quasi due mesi di lavoro (dal 13 marzo a inizio maggio) in cui mi sono infiltrato sotto falso nome nella chiesa romana di Scientology, fingendomi interessato a diventarne fedele. Ogni puntata sarà composta da una parte video, dove vedrete ciò che ho filmato con una telecamera nascosta, e da un articolo scritto per spiegare il contesto e aggiungere ulteriori informazioni o notizie. Nella prima puntata scoprirete come il movimento di Ron Hubbard recluta nuovi scientologist: per entrare ho sostenuto un test di 200 domande (alcune anche molto personali), e ho frequentato un corso a pagamento per risolvere ciò che a detta di una ministra di Scientology “mi stava rovinando” e avrebbe potuto portarmi "malattie o incidenti". Nella seconda puntata vedrete cosa si impara e dove conduce il “ponte verso la libertà”. Il mio cammino è iniziato il 13 marzo. Lungo il percorso mi sono sottoposto a una seduta di auditing, e dopo qualche settimana mi è stato anche offerto di lavorare (praticamente gratis, anche 40 ore a settimana) per la chiesa romana del movimento religioso.

Nella terza puntata vedrete come funziona la lotta alla droga secondo Scientology: per qualche settimana sono entrato come volontario in un centro Narconon, dove si applica il programma di riabilitazione per tossicodipendenti inventato da Ron Hubbard. Nella quarta e ultima puntata, infine, scoprirete quanto costa diventare “clear”. E quanti soldi (tanti) girano attorno a Scientology Roma.

GUARDA "ESSERE SCIENTOLOGIST"

"Se non ti iscrivi malattie o incidenti”. Così Scientology Roma recluta i suoi discepoli
Lezioni a pagamento, interrogatori, lavoro gratis. A scuola da Scientology
Saune, olio, integratori e niente farmaci. La lotta alla droga secondo Scientology
Così Scientology Roma incassa decine di migliaia di euro

Hai una segnalazione da fare al team Dossier? Vuoi denunciare una situazione poco trasparente? Scrivilo a dossier@romatoday.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

RomaToday è in caricamento