rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cultura

La scrittrice romana Morelli vince il Cartagine per impegno sociale

La scrittrice romana ha ottenuto il riconoscimento per la silloge "Un attimo di vita", candidato al Premio Strega Poesia 2023

La scrittrice romana Sabrina Morelli è la vincitrice del Premio Cartagine 2023 per la sezione Impegno sociale e Cultura. Il premio, organizzato dall'Accademia Cartagine organizzato dall'Accademia Cartagine, dal suo Presidente, il generale dei Corpi Sanitari Internazionali, Alessandro Della Posta, e dalla coordinatrice dell'evento,Veronica Della Posta, è destinato a coloro che hanno contribuito, in Italia e all’estero, allo sviluppo e alla diffusione della cultura e del sapere, guardando al progresso dei popoli, alla ricerca della verità, alla libertà, alla giustizia e alla pace e, quindi, alla fratellanza universale. "Sono molto felice -ha affermato la Morelli- di aver ricevuto questo riconoscimento. La mia silloge Un attimo di vita, candidata al Premio Strega Poesia 2023, rispecchia gli obiettivi del Cartagine e spero di aver dato, in tal senso, il mio contributo in termini di umanità". La silloge nasce del resto con l'intento di dare aiuto a quelle persone che si trovano a convivere con lo spettro del cancro. Il 70% dei diritti d'autore che ne deriveranno verrà devoluto alla Fondazione Bambino Gesù di Roma Fondazione Onlus per la realizzazione del centro dedicato alle Cure Palliative Pediatriche. Il Centro sorgerà nella struttura di Palidoro, alle porte della Capitale. Un atto che sento dal profondo del mio cuore: Un gesto di generosità che è in sintonia con l'ispirazione che ha portato l'autrice al componimento di versi struggenti ma ricchi di sentimenti e di un amore profondo: "Ho visto la morte e la malattia -afferma ancora la Morelli- attraverso gli occhi e i volti dei miei familiari che non ci sono più, ma ho visto soprattutto occhi di bimbi che avrebbero voluto più tempo, ho sentito il dolore di mamme che avrebbero voluto un miracolo e, in tutto questo, ho sentito un urlo nell'anima che, come un'esortazione morale, mi ha spronato a ricominciare, a sperare senza mai rinunciare a credere. La cosa più importante che ho compreso è che non bisogna mai arrendersi ed è altrettanto inutile inveire contro la sorte. Io non l'ho fatto e spero che le mie poesie e le mie riflessioni possano aiutare tante altre persone ad avere la mia stessa reazione". Per Un attimo di vita arriva ora il Premio Cartagine che annovera molti nomi illustri tra i quali Mario Luzi, Corrado Calabrò, Lucio Dalla, Antonino Zichichi, Antonio Banderas, Jacque Diouf, Kofi Annan, Ennio Morricone, George Clooney, Giulio Andreotti, Maria Grazia Cucinotta, Lino Banfi, Franco Zeffirelli, Sara Simeoni, Nicola Pietrangeli solo per citarne alcuni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scrittrice romana Morelli vince il Cartagine per impegno sociale

RomaToday è in caricamento